HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

A R C H I V I O

L'INAUGURAZIONE DELLA STAZIONE RADIO A ONDE ULTRACORTE
PRIMATO DI SCIENTIFICA UTILITA’

L’11 febbraio 1933, Pio XI inaugurava la Stazione Radio a onde ultracorte. Dopo l' indirizzo di omaggio del Marchese Marconi, illustre inventore e alcuni saggi di trasmissione tra il Vaticano e Castel Gandolfo, prendeva la parola il Papa invitato da Padre Gianfranceschi, S.J., primo direttore della Radio Vaticana a coronare la trasmissione.

Diciamola dunque - incominciava Sua Santità - questa parola che cosi buoni figli a cosi buon diritto aspettano dal - Padre e in una circostanza cosi propizia per la parola stessa. E voleva essere dapprima - continuava l'Augusto Pontefice - un ringraziamento al signor Marchese Marconi, per congratularsi con lui per tutti i continui successi che la divina Bontà e la divina Onnipotenza gli concede in un campo, quasi esclusivamente, si direbbe, riservato, alla Onnipotenza stessa divina per il suo misterioso governo del mondo.
Il Marchese Marconi aveva parlato della riconoscenza dovuta al Papa, ma, in quel momento, proprio il Papa teneva a dire, invece, l'espressione della Sua riconoscenza all' illustre inventore, il quale aveva assicurato, con il bel dono fatto, il modo di entrare in possesso di quel nuovo magnifico strumento di comunicazione, e nelle condizioni di un primato scientifico così ambizioso - come direbbe il poeta - così particolarmente bello; un primato scientifico che molto volentieri il Sommo Pontefice vede servire a ulteriori progressi della scienza, mercé quella tenacia e profonda visione che Guglielmo Marconi sa mettere nelle sue ricerche ed esperienze.

Lietissimo poi si diceva Sua Santità se quella stazione - ora la prima e la sola del genere - potrà essere il centro di nuove scoperte e di nuove utili applicazioni.

La Sua compiacenza, la Sua gratitudine anzi - era questa, infatti, l'espressione che meglio esprimeva i Suoi sentimenti - era tanto più profonda e viva, in quanto la nuova meraviglia avveniva e si verificava in un concerto di circostanze belle, liete, promettenti. Liete per gli alti e storici ricordi per l'Italia e per tutto il mondo cattolico; promettenti, in modo speciale, all'alba di un Anno Santo che sta per essere in tutto il mondo un anno di più effuse preghiere e di più abbondanti, opere di bene e non potrà quindi non arrecare grandi benefici all'umanità che di essi, in questo momento, sente più che mai vivo e pungente il bisogno.

Ricca di altrettanta particolare grazia era altresì la circostanza dell' iniziato anniversario della elevazione di Sua Santità al Supremo Pontificato, elevazione che dice tutta la Misericordia e la Bontà divina verso il suo povero Vicario. Nessun contributo poteva riuscire a Lui più gradito, nessuna circostanza poteva aggiungersi più lieta del primato di scientifica utilità che Guglielmo Marconi poneva a Sua disposizione, a disposizione della Santa Sede.

Infine, le speranze e compiacenze del Santo Padre erano tanto più legittimamente sentite in quanto a quei ricordi di solenni convinzioni, alla fiduciosa aspettativa dell'Anno Santo, al fatto di essere già ai primi Vespri - per esprimersi con un linguaggio liturgico, - dell’anniversario della Sua elezione, a tutto un così insieme di mirabili cose si aggiungeva il soave sorriso della Vergine Santissima, della cui benefica taumaturgica apparizione il mondo cattolico, insieme al Cardinale Legato a Lourdes, celebra il 75° anniversario. Senz’altro quel bellissimo complesso di moltiplicati auguri e di gloriosi auspici - era troppo chiaro ed evidente - inducevano Sua Santità a ringraziare in modo specialissimo la divina Provvidenza e, dopo essa, il Marchese Marconi.
Ed era con questi sentimenti, con questi richiami di passato non lontano, con queste constatazioni di consolante presente e con le previsioni di migliore, luminoso avvenire che il Santo Padre passava ad impartire di tutto cuore al Marchese Marconi, alla sua famiglia, a tutti i presenti, ai vicini ed ai lontani, la divina benedizione.

Testo originale italiano in L'Osservatore Romano. 13-14 febbraio 1933. n. 37, p. 1 col. 6.

Chi siamo Palinsesti Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá