HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Chiesa > notizia del 2014-02-12 15:11:08
A+ A- Stampa articolo



Vescovi bulgari in visita "ad limina". Mons. Proykov: famiglia ed evangelizzazione, grandi sfide di questa piccola Chiesa



Inizia oggi in Vaticano la visita “ad limina” dei vescovi della Bulgaria. La comunità cattolica del Paese è piccola nei numeri ma viva e dinamica. Sulle sfide di questa Chiesa nella società attuale, ascoltiamo il presidente della Conferenza episcopale bulgara, mons. Christo Proykov, al microfono di Desislava Tanceva:

R. - La Chiesa cattolica in Bulgaria vive la sua testimonianza cristiana in una società che presenta molte sfide. Ci sono quelle comuni a tutti i Paesi europei, come il consumismo, il relativismo, l’edonismo, la mancanza dei valori fondamentali per la vita umana. Ma ci sono anche alcune sfide tipicamente “bulgare” ereditate dal passato regime sovietico, come ad esempio la diffusa ignoranza del fatto religioso, anche tra chi si considera cristiano. La situazione non è facile, ma direi che è favorevole per gettare le reti dell’annuncio e per seminare la Parola di Dio.

D. – Quale realtà si vive all’interno della comunità cattolica?

R. - Fra i cattolici e le tre diocesi dei due riti esiste una forte collaborazione. Si organizzano incontri ed esercizi spirituali per i giovani. Questo offre ai nostri giovani che vivono nelle piccole comunità parrocchiali sparse nelle diverse città della Bulgaria un ricco scambio di esperienze. In estate si organizzano incontri nazionali per giovani e adulti. Periodicamente vengono anche promossi incontri per le famiglie e altri gruppi, guidati dal Movimento dei Focolari. La pastorale silenziosa del tempo delle persecuzioni viene gradualmente sostituita da una pastorale attiva, capace di valorizzare la ritrovata libertà religiosa. Nella Chiesa si cerca un coordinamento sempre più ampio in ambito liturgico, catechistico, caritativo e vocazionale. Esiste il Consiglio Nazionale dei Superiori delle Comunità dei religiosi e delle religiose, che rende possibile la collaborazione fra gli ordini religiosi. Fra i nostri fedeli non ci sono problemi dottrinali e gli insegnamenti della Chiesa vengono generalmente accettati. Il recepimento delle indicazioni conciliari cresce costantemente. Per il 50° anniversario del Concilio Vaticano II sono state pubblicate le traduzioni in bulgaro dei documenti conciliari, del Compendio del Catechismo della Chiesa Cattolica (quella del Catechismo già c’era), dei libri Benedetto XVI su “Gesù di Nazareth”. In questo momento si sta traducendo Youcat e l’Esortazione apostolica di Francesco “Evangelii Gaudium”. I rapporti di collaborazione fra noi tre vescovi dei due riti sono cordiali e i contatti fra i nostri fedeli sono frequenti e fruttuosi.

D. - Come hanno accolto i fedeli bulgari l’elezione di Papa Francesco?

R. - Come in tutto il mondo, la rinuncia di Benedetto XVI al ministero petrino è stata una grande sorpresa. L’elezione di Papa Francesco è stata accolta con gioia sincera e filiale. I fedeli sono particolarmente attratti dal suo atteggiamento amorevole verso le persone più deboli nella società. Il suo muoversi con naturalezza e il coraggio con cui affronta i problemi e le questioni difficili e importanti conquistano la simpatia di molti. Noi vescovi bulgari siamo particolarmente felici di essere stati chiamati ad incontrare Papa Francesco dopo il nostro incontro con Papa Benedetto XVI in occasione della nostra ultima visita “ad Limina” e i nostri fedeli aspettano con gioia di sentire da noi, al nostro rientro, quanto abbiamo vissuto insieme con Papa Francesco.

D. - Qual è la situazione della famiglia in Bulgaria?

R. - Oggi più che mai la famiglia è messa a dura prova. Siamo testimoni di attacchi da tutte le parti. Si cerca di cancellare la sua identità e la sua dignità, degradandola ad una semplice convivenza. Nell’opinione pubblica in Bulgaria la famiglia viene ancora intesa come l’unione tra un uomo e una donna. La legge bulgara non riconosce i matrimoni fra le persone dello stesso, ma questa corrente di pensiero penetra anche nella nostra società e ciò crea nuove esigenze pastorali. Molte famiglie portano le ferite del divorzio. Il processo di secolarizzazione che sta radicandosi anche nella società bulgara, soprattutto tra le nuove generazioni, mette in seriamente discussione il fondamento dell’indissolubilità del matrimonio, come anche la stessa necessità di sposarsi. L’aborto si pratica con leggerezza e si pubblicizza la contraccezione. Sono poche le coppie che vivono la propria sessualità secondo gli insegnamenti della Chiesa e la causa di ciò è spesso una grande ignoranza, anche per la mancanza di un’educazione cristiana nelle famiglie di origine, frutto di 50 anni di ateismo di Stato durante i quali l’istruzione religiosa era molto limitata. Si sente un grande bisogno di una formazione cristiana delle famiglie. Cerchiamo di fare il possibile attraverso corsi di preparazione al matrimonio; corsi ed incontri periodici per le famiglie; corsi di catechismo per adulti e incontri di formazione per i giovani sul Magistero della Chiesa riguardante questi temi. Quest’anno abbiamo in progetto di organizzare degli incontri nazionali delle famiglie.

D. - Quali sono i rapporti con la Chiesa ortodossa?

R. - La Chiesa ortodossa rappresenta la grande maggioranza in Bulgaria. Conosco il nuovo patriarca Neofit da tanti anni. E’ una persona di fede profonda, intelligente e molto erudita. Abbiamo accolto con gioia la sua elezione un anno fa, e penso che la Chiesa ortodossa abbia fatto una buona scelta. I rapporti con lui sono sinceri e di stima reciproca. Nonostante ciò, a livello istituzionale sarebbe auspicabile fare molto di più per i nostri rapporti e contatti. Ma a livello dei laici i contatti e la collaborazione sono fruttuosi.

D. - Come affronta la Chiesa cattolica in Bulgaria la crisi economica attuale?

R. - Il termine crisi è molto ampio: si parla di crisi economica, ma c’è anche la crisi spirituale, quella umana, quella d’identità. Direi che in fondo è crisi umana. Penso che nel mondo d’oggi l’uomo si stia smarrendo, non ci sono più valori non negoziabili, ma la dittatura del relativismo che soffoca l’essere umano. Solo guardando verso Gesù si può uscire da questa crisi antropologica. La Chiesa cattolica in Bulgaria si impegna con la sua pastorale per salvare quest’uomo.

D. La Chiesa è in difficoltà? Come si sostiene?

R. - Dal punto di vista economico, la Chiesa cattolica in Bulgaria non riceve alcun finanziamento da parte dello Stato. I sacerdoti vivono delle offerte per le Messe e delle offerte e donazioni occasionali, oltre che del sussidio annuale della Congregazione per le Chiese Orientali e degli enti stranieri che sostengono le Chiese più povere. Ma tutto ciò spesso non basta per tutte le necessità urgenti e ogni sacerdote si deve arrangiare per cercare altri fondi. Ciò richiede tempo e forze che si potrebbero spendere per le attività pastorali. Inoltre, con la crisi economica ci sono sempre più poveri che dipendono dall’aiuto della Chiesa, e che purtroppo non sempre possiamo aiutare. La Caritas organizza alcuni servizi stabili, come la distribuzione gratuita delle medicine, pasti caldi a diverse decine di poveri in diverse città, quest’anno fra loro ci sono anche i profughi dalla Siria e da altri Paesi. A Sofia abbiamo un ambulatorio medico gratuito per le persone povere. Presso l’Esarcato Apostolico, con l’aiuto del programma di Cor Unum “100 progetti”, è stato creato un centro diurno per le madri, che crescono i figli da sole. Abbiamo il centro diurno “Annunciazione” per i disabili Ci sono progetti per l’assistenza domiciliare agli anziani, programmi per i tossico-dipendenti, per gli anziani, per i senzatetto e per i rifugiati. Nell’aiutare i bisognosi non facciamo differenze. Nonostante le gravi difficoltà economiche, la Chiesa incoraggia la gente ad aiutare gratuitamente per i poveri.

D. – L’ultima domanda: qual è la presenza della Chiesa nei media e quale il loro ruolo nella nuova evangelizzazione?

R. - Oggi i media cattolici sono mezzi importanti per svolgere la missione della Chiesa. Tramite Internet si può comunicare, evangelizzare, aiutare tante persone a intraprendere il cammino di conversione. La Chiesa ha una buona presenza in rete. Le diocesi e molte parrocchie hanno una pagina Internet, ma certamente anche la pagina più bella non può sostituire mai il rapporto diretto tra le persone. Ci sono dei blog, gruppi di amici su Facebook, il sito che riporta le notizie della Chiesa locale e universale, e naturalmente il sito della Sezione Bulgara della Radio Vaticana. Secondo la legge in Bulgaria, la Chiesa ha il diritto ad un certo spazio su TV e radio, per le feste. Altre volte viene interpellata per esprimere pareri su questioni di attualità e partecipa a tavole rotonde e rilascia interviste. Tutte queste sono occasioni diffondere il Vangelo e l’insegnamento della Chiesa. Inoltre, quando ci sono avvenimenti importanti per la vita della Chiesa universale, i mass media mostrano interesse, come è stato per esempio quando il Papa Benedetto XVI si è ritirato e per l’elezione di Papa Francesco, che attira sempre di più l’attenzione dei media in senso positivo. Una certa risonanza ha avuto nei media un evento organizzato dall’Accademia delle Scienze Bulgara per ricordare il 50° anniversario della fine del Pontificato di Papa Giovanni XXIII, che aveva vissuto in Bulgaria per dieci anni nel secolo scorso come Legato apostolico. E’ stata seguita con interesse anche la celebrazione dei 50 anni dell’Enciclica “Pacem in Terris”, che per l’occasione è stata tradotta e pubblicata in bulgaro, ed è stata molto apprezzata. Come dice Papa Francesco, i mass media sono un dono di Dio, e facendone un buon uso possono contribuire tanto al Regno di Dio.

Ultimo aggiornamento: 13 febbraio




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá