Social:

RSS:

App:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Chiesa \ Dialogo interreligioso

Il card. Tauran e il principe di Giordania: più solidarietà

il cardinale jean-louis tauran ad amman, in giordania

15/05/2014

Il ruolo fondamentale della famiglia e della scuola nella formazione dei bambini, l’importanza dell’educazione religiosa; la necessaria considerazione della dignità della persona umana; il rispetto della libertà religiosa; la convinzione che non la religione, ma la disumanità e l’ignoranza sono le cause dei conflitti. Sono alcuni dei punti del documento comune per una maggiore solidarietà nel mondo siglato questo mercoledì in Giordania dal cardinale Jean-Louis Tauran, presidente del Pontificio Consiglio per il Dialogo Interreligioso, e dal principe El Hassan Bin Talal, fondatore dell’Istituto reale di studi interconfessionali, a poco più di una settimana dall’arrivo ad Amman di Papa Francesco il 24 maggio.

I partecipanti all’incontro sul tema dell’educazione hanno espresso dura condanna di ogni forma di violenza e la richiesta dell’immediato rilascio delle studentesse rapite in Nigeria. Pubblicato infine  un decalogo culturale, come conferma al microfono di Antonino Galofaro il cardinale Jean-Louis Tauran:

R. – Ces trois jours sont passés dans une atmosphère d’exceptionnelle ouverture …
Questi tre giorni sono trascorsi in un’atmosfera di eccezionale apertura e di amicizia, e questo conferma che il dialogo interreligioso inizia sempre con l’amicizia, per conoscersi, per volersi bene. Il tema generale dell'incontro ci ha fatto riflettere su come raccogliere le sfide di oggi attraverso l’educazione. Ho insistito sul ruolo indispensabile della famiglia, della scuola e dell’università. La cosa importante è che questo incontro si è chiuso con la pubblicazione di un “decalogo della cultura”, che invita a non rinunciare mai alla curiosità intellettuale, ad essere umili e non intellettualmente arroganti, conservare la propria autonomia intellettuale, di fronte alla superficialità del mondo di oggi, perseverare nella cura della vita interiore e considerare il pluralismo una ricchezza e non una minaccia.

Di seguito, pubblichiamo in modo completo il "decalogo della cultura" per tutti i soggetti coinvolti nell'educazione: 

1) Mai rinunciare alla curiosità intellettuale; 
2) Abbiate coraggio intellettuale, non vigliaccheria intellettuale; 
3) Siate umili e non intellettualmente arroganti; 
4) Praticate l'empatia intellettuale, invece di una mentalità chiusa; 
5) Rispettare l'integrità intellettuale; 
6) Mantenere la vostra autonomia intellettuale; 
7) Perseverate di fronte alla superficialità che vi circonda; 
8) Abbi fiducia nella ragione; 
9) Siate leali e non intellettualmente sleali; 
10) Considerate il pluralismo come ricchezza, non come una minaccia.

15/05/2014