Social:

RSS:

App:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Papa Francesco \ Documenti

Il Papa ai giovani olandesi: siate rivoluzionari come le Beatitudini

Giovani con la Croce della GMG

Nelle Beatitudini potete trovare un programma di vita “nuovo, puro e intenso”. E’ quanto sottolineato da Papa Francesco al Festival Nazionale della gioventù cattolica olandese, svoltosi in questi giorni all’abbazia di Mariënkroon a Nieuwkuijk. In un messaggio per l'occasione, il Papa invita i giovani a “pensare in grande” prendendo a modello il Beato Piergiorgio Frassati che non si accontentava di "vivacchiare". Il servizio di Alessandro Gisotti:

“Vivere senza una fede, senza un patrimonio da difendere, senza sostenere in una lotta continua la Verità, non è vivere, ma vivacchiare”. Papa Francesco prende in prestito le parole di Piergiorgio Frassati per spronare i giovani cattolici olandesi ad essere “rivoluzionari” come le Beatitudini di Gesù. Il Pontefice rammenta che il messaggio delle Beatitudini - al centro anche del percorso che porta alla prossima Gmg di Cracovia – è “nuovo, puro e intenso” e propone “un modello di felicità contrario alla logica del mondo”. Quelli che Gesù chiama “beati”, osserva, il mondo li definisce “inutili, perdenti”. Il mondo, soggiunge, glorifica “il successo ad ogni costo, la ricchezza, il potere” e “l’affermazione di se stessi a danno degli altri”. Gesù, invece, ci offre una “definizione molto differente di ciò che significa beato: mostra la via per la vita e la felicità autentica”. Anzi, è “Gesù stesso la via” e “attraverso la sua vita ci ha mostrato concretamente come vivere ognuna delle Beatitudini”.

Gesù, scrive ancora il Papa, ama ognuno di noi “con amore infinito” e con la sua morte e Risurrezione ci ha mostrato la sua infinita misericordia. E così, sottolinea, “quando contempliamo Gesù nella sua povertà, la sua purezza di cuore e la sua misericordia, comprendiamo la bellezza della nostra vocazione cristiana e non esitiamo ad avviarci sulla strada che conduce alla vera felicità”. “Non abbiate paura di Cristo – esorta, riprendendo Benedetto XVI – Lui non vi toglie nulla e vi dona tutto”. I giovani, afferma ancora Francesco, “vogliono vivere esperienze intense. Vi incoraggio a prendere sul serio le parole di Dio. Dite no ad una cultura effimera, superficiale e dello scarto, una cultura che non vi ritiene forti, che vi ritiene incapaci di affrontare le grandi sfide della vostra vita. Pensate in grande!”.