Social:

RSS:

App:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Mondo \ Europa

Renzi: la Bundesbank non entri nel dibattito politico italiano

Il premier Renzi e il presidente della Commissione Ue Barroso - REUTERS

Berlino cerca di spegnere le polemiche con Roma sul patto di stabilità. Per il portavoce del governo tedesco Steffen Seibert "Italia e Germania vogliono che le istituzioni europee lavorino per le sfide essenziali" dell'Ue, "una di queste è il benessere" dei cittadini che può essere procurato "solo attraverso la competitività". Oggi il premier Matteo Renzi a Roma ha incontrato il presidente uscente della Commissione europea Barroso, assicurando che riforme saranno completate in mille giorni. Alessandro Guarasci:

Renzi guarda avanti e con Barroso afferma che non ci sono polemiche col governo tedesco. Con la Merkel il rapporto è ottimo. Il presidente del Consiglio rimarca però che le regole europee riguardano la stabilità e la crescita. Poi alla banca centrale tedesca dice: non impicciatevi delle questioni italiane.

Il premier afferma che “il grande obiettivo del semestre” di presidenza italiana è  restituire "speranza, passione e entusiasmo ai cittadini Ue, che sono i nostri stakeholder, il motivo per cui lavoriamo”. Sull’immigrazione aggiunge che “serve una politica europea con il rafforzamento di Frontex. Serve una maggiore presenza in Libia”.

Ed ancora: in mille giorni saranno fatte le riforme per rendere più moderna l’Italia.

Il presidente della Commissione Josè Manuel Barroso riconosce i grandi sforzi fatti dall’Italia per accogliere chi viene dal Nord Africa. E sulle riforme sottolinea: Il piano dell'Italia è "in linea con le raccomandazioni emerse dalla Commissione europea ma, anche se non ci fosse l'Ue, sono certo che l'Italia abbia bisogno di riforme”. E per quanto riguarda la presidenza della Commissione dice di vedere bene Napolitano, se non fosse trovato un accordo su un altro nome. Sì poi alla flessibilità, ma le regole vanno rispettate.