Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

App:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Mondo \ Italia

Ore decisive per la vertenza Alitalia. Da sciogliere il nodo esuberi

Alitalia: si cerca una soluzione - ANSA

Alitalia: si cerca una soluzione - ANSA

Sono ore cruciali per la lunga e delicata vertenza Alitalia. Nel pomeriggio incontro probabilmente decisivo al ministero dei Trasporti tra Governo, azienda e sindacati: al centro della trattativa resta il nodo degli esuberi. Servizio di Giampiero Guadagni

L’ora x era stata fissata alle 11 di questa mattina. Ma le parti nonostante una nottata di lavoro non hanno raggiunto l’accordo, che si spera di trovare  in serata.  Il nodo irrisolto della trattativa Alitalia è quello degli esuberi previsti dal matrimonio con gli arabi di Etihad. Ieri il ministro dei Trasporti Lupi aveva annunciato la riduzione di questi esuberi dai programmati 2.251 a 980.  980 persone che dovrebbero essere ricollocate in altre aziende, ma il loro destino non è al momento chiaro. Altro ostacolo nella trattativa  è la richiesta di Alitalia che vuole dai lavoratori che saranno posti in mobilità una rinuncia individuale ad avviare una causa di lavoro, cosa che viene sottolineato giuridicamente non si può fare. Nel pomeriggio, per sbloccare lo stallo, la nuova proposta del governo: un breve periodo di cigs, cassa integrazione straordinaria, nel corso del quale ricollocare i lavoratori, prima della messa in mobilità.  Il governo ha fretta di arrivare a un'intesa senza la quale rischia di saltare l'ingresso nel capitale di Alitalia della compagnia araba  che chiede un taglio di 48 milioni al costo del lavoro. Il numero uno di Etihad sarà in Italia la prossima settimana per avere una risposta definitiva.