Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Società \ Salute e Ambiente

Movimento cattolico mondiale per il clima: digiuno quaresimale

Immagine provocatoria sugli effetti dei cambiamenti climatici - ANSA

Immagine provocatoria sugli effetti dei cambiamenti climatici - ANSA

Si intensificano nel mondo le iniziative di sensibilizzazione delle Chiese e di altre organizzazioni della società civile in vista della prossima Conferenza Onu sul clima prevista il prossimo dicembre a Parigi (Cop 21). Dopo #fastfortheclimate, il movimento fondato più di un anno fa dalla Federazione Luterana Mondiale (Flm) con il sostegno del Consiglio Ecumenico delle Chiese (Wcc) e la convocazione a giugno del secondo Summit di Halki II sulla responsabilità globale e la sostenibilità ambientale promosso dal Patriarcato ecumenico di Costantinopoli, anche il mondo cattolico si sta mobilitando per dare manforte a queste iniziative.

Il dovere di custodire il Creato
Con questo intento il 15 gennaio scorso un gruppo di teologi, scienziati, sacerdoti, religiosi e laici cattolici di diversi Paesi nel mondo hanno dato vita al Global Catholic Climate Movement (Gccm). Ad ispirare il nuovo movimento – spiega la dichiarazione fondativa – la dottrina sociale cattolica che ha il suo fondamento nelle Scritture e nella tradizione della Chiesa e gli interventi di Papa Francesco sul tema che tante volte ha sottolineato la stretta interdipendenza umanità e Creato e quindi il dovere di tutti di “custodirlo”.

I cattolici chiamati ad essere una voce profetica in difesa del clima
“I leader cattolici – si legge nella dichiarazione - sono chiamati a parlare con una voce profetica e in dialogo spirituale con tutti, in modo particolare con i leader politici, il mondo degli affari e i consumatori responsabili di politiche e pratiche distruttive per il clima”. Anche i cattolici, da parte loro, “devono continuamente convertirsi al disegno del Creatore perché tutti abbiano la vita in abbondanza. Finché le implicazioni morali dei cambiamenti climatici prodotti dall’uomo non saranno stabilite con chiarezza e accettate - sottolineano ancora i promotori , è improbabile che le società si convertano in tempo a tecnologie, economie e stili di vita sostenibili”.

Uno speciale digiuno quaresimale per il clima
Di qui l’invito a tutti i cattolici a partecipare ad iniziative di sensibilizzazione, ma anche ad intraprendere azioni personali. Come prima iniziativa il movimento ha deciso di lanciare quaranta giorni di digiuno quaresimale per il clima. Da domani, Mercoledì delle Ceneri fino al 28 marzo, cattolici di più di 45 Paesi digiuneranno e pregheranno insieme per tutte le persone colpite dai cambiamenti climatici. Per tutto il periodo di Quaresima essi sono anche esortati a ridurre dal consumo di prodotti e servizi che producono gas serra e a riciclare i prodotti usati. L’iniziativa si inserisce nella Catena mondiale di digiuno” di un anno per il clima, lanciata il 1° dicembre 2014 dal #fastfortheclimate e alla quale hanno aderito anche numerose organizzazioni e associazioni cattoliche nel mondo. (A cura di Lisa Zengarini)