Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Chiesa \ Chiesa in Italia

Cei: Vademecum per accoglienza richiedenti asilo e rifugiati

Gruppo di immigrati ricevuti da Papa Francesco - ANSA

Gruppo di immigrati ricevuti da Papa Francesco - ANSA

Un Vademecum per “accompagnare le diocesi e le parrocchie” nel “cammino” di accoglienza verso i richiedenti asilo e rifugiati. A pubblicarlo è la Cei, come risultato del Consiglio episcopale permanente svoltosi dal 30 settembre al 2 ottobre a Firenze. L’appello lanciato dal Papa nell’Angelus del 6 settembre per rispondere al dramma dei profughi, scrivono i vescovi italiani, “ha trovato già le nostre Chiese in prima fila nel servizio, nella tutela, nell’accompagnamento dei richiedenti asilo e dei rifugiati”: su circa 95mila persone migranti - ospitate nei diversi Centri di accoglienza ordinari (Cara) e straordinari (Cas), nonché nel Sistema nazionale di protezione dei richiedenti asilo e rifugiati (Spaar) - diocesi e parrocchie, famiglie e comunità religiose, accolgono in circa 1.600 strutture oltre 22.000 dei migranti”. 

Vademecum: supplemento di umanità per vincere paura e pregiudizi
 L’obiettivo del Vademecum è di “aiutare a individuare forme e modalità per ampliare la rete ecclesiale dell’accoglienza a favore delle persone richiedenti asilo e rifugiate che giungono nel nostro Paese, nel rispetto della legislazione presente e in collaborazione con le Istituzioni”. “Si tratta di un gesto concreto e gratuito che si affianca ai molti altri a favore dei poveri presenti nelle nostre Chiese”, si legge nel Vademecum: “Un supplemento di umanità, anche per vincere la paura e i pregiudizi”. 

Da dove partire per accogliere i migranti? 
“Prima ancora dell’accoglienza concreta è decisivo curare la preparazione della comunità”, è la risposta del Vademecum. Nelle parrocchie, dunque, la prima tappa è l’informazione, “finalizzata a conoscere chi è in cammino e arriva da noi, valorizzando gli strumenti di ricerca a nostra disposizione”, come il Rapporto immigrazione, il Rapporto sulla protezione internazionale, ma anche schede sui Paesi di provenienza dei richiedenti asilo e rifugiati e “la stessa esperienza di comunità e persone presenti in Italia e provenienti dai Paesi dei richiedenti asilo e rifugiati”. 

Seconda tappa: la formazione
Una formazione volta a “preparare chi accoglie (parrocchie, associazioni, famiglie) con strumenti adeguati”. Tra le proposte, quella di “costruire una piccola équipe di operatori a livello diocesano e di volontari a livello parrocchiale e provvedere alla loro preparazione non solo sul piano sociale, legale e amministrativo, ma anche culturale e pastorale, con attenzione anche alle cause dell’immigrazione forzata”. Di qui l’invito a Caritas e Migrantes, per “curare a livello regionale e diocesano percorsi di formazione per operatori ed educatori delle équipe diocesane e parrocchiali”. Il Giubileo, scrivono i vescovi, è un’occasione per “riscoprire l’attualità delle opere di misericordia corporali e spirituali”, vincendo “la barriera dell’indifferenza”. (R.P.)