Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

App:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

RV ITALIA - 105 FM

Mondo \ Europa

Il terrorismo, l'Is e le ambiguità della Turchia

Il luogo dell'esplosione nel centro di Istanbul - ANSA

Il luogo dell'esplosione nel centro di Istanbul - ANSA

L'attentato a Istanbul

Qual era la finalità dell'attentato rivendicato dal Califfato nel quale a Istanbul hanno perso la vita dieci turisti, in maggioranza tedeschi? Colpire il turismo e sabotare l'economia della Turchia. Di fatto, il Paese rappresenta una chiave importante per la pace in tutta l'area mediorentale. 

Un avviso alla Turchia

Per Dimitri Bettoni, dell'Osservatorio Balcani Caucaso, si è trattato sicuramente di "un avvertimento". "L'attentato è stato fatto di lunedì in un periodo di bassa stagione per il turismo turco, voce importante per l'economia di tutto il Paese". "Per questo si può pensare ad una sorta di avvertimento in vista di una possibile partecipazione della Turchia alla coalizione internazionale e militare contro il terrorismo di matrice integralista islamica". 

Le ambiguità della Turchia

Il governo turco, spiega Marco Ansaldo, giornalista, esperto di questioni turche, non sembra in grado di dipanare la matassa del complicato quadro della regione, aiutando i combattenti del Califfato, accusando Russia, Siria e Iran di complotto contro la stessa Turchia, collaborando poi con l'Unione Europea che versa miliardi di euro al governo turco, su pressione tedesca, per non lasciare passare i profughi siriani, pakistani e afghani che vivono nei campi di accoglienza del Paese. Accusata di commercializzare il petrolio venduto dal Califfato. 


(Luca Collodi)