Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Mondo \ Medio Oriente

Profughi in Libano: non possono registrare figli e seppellire morti

Campo profughi in Libano - AFP

Campo profughi in Libano - AFP

La condizione dei rifugiati in Libano resta “critica”, i problemi si sommano fra loro e diventa sempre più difficile rispondere alle “emergenze” che si moltiplicano, siano esse “economiche, sociali, morali e umane”. A lanciare l’allarme all'agenzia AsiaNews è padre Paul Karam, direttore di Caritas Libano, da quattro anni in prima fila nell’accoglienza del flusso continuo di famiglie siriane (e non) che fuggono dalla guerra. Il Paese dei cedri non ha accolto solo i siriani, ma ospita da tempo “anche palestinesi, per non dimenticare gli iracheni che hanno lasciato negli ultimi anni case e terre per sfuggire alle violenze”. Ecco perché abbiamo bisogno di ulteriori “aiuti concerti, primo fra tutti il denaro” per poter continuare “la nostra opera”. 

Per i costi della sepoltura i morti vengono tumulati in segreto
Fra i molti aspetti che toccano la vita dei profughi siriani in Libano, vi è la questione della sepoltura dei morti. Non vi sono molte aree attrezzate e i (pochi) cimiteri sono già riservati ai cittadini libanesi. Il tasso di morte fra i rifugiati siriani è di gran lunga più elevato della popolazione locale, perché si tratta di persone molto più vulnerabili. Almeno due terzi vivono in condizioni di “estrema povertà”; sebbene non vi siano statistiche ufficiali, secondo alcune fonti vi è un decesso ogni settimana fra i profughi di Bar Elias. E il costo medio per la sepoltura di un congiunto può arrivare a toccare quota 250 dollari, insostenibile per i profughi siriani che, in molti casi, preferiscono tumulare in segreto i congiunti.

Defunti seppelliti in fosse comuni
“Abbiamo sentito di queste notizie - conferma ad AsiaNews padre Paul - anche se non hanno riguardato direttamente i nostri Centri. So di profughi che hanno dovuto seppellire i morti in fosse comuni, in attesa di poter, un giorno, riprendere le ossa e poi fare ritorno in patria. È un problema vero, come molti altri che complicano la vita di ogni giorno”. 

Il problema della registrazione dei bambini nati in Libano
Vi è poi la questione riguardante “i bambini nati in Libano”, che “non sono registrati né in Siria, né in Libano”. La nostra, prosegue il direttore Caritas, “non è una terra molto vasta” ed è impensabile concedere la cittadinanza a tutti, anche perché si va a intaccare il delicato mosaico - etnico e religioso - su cui si fonda il Paese. “Il punto - spiega - è che bisogna mettere fine alla guerra, al traffico di armi, agli interessi sul petrolio, e permettere alla popolazione di poter tornare a vivere nella propria terra. Anche perché è questo che vogliono!”. La registrazione dei nuovi nati, avverte, “non può essere un obbligo per lo Stato libanese, ma deve essere responsabilità della Siria e della comunità internazionale”. 

Chi paga il prezzo della guerra sono i civili ed i poveri
Intanto Caritas Libano prosegue il lavoro di assistenza, in una condizione di estrema difficoltà. “La gente è disperata e ha bisogno di aiuto - prosegue il sacerdote - e non è disperdendola nei Paesi dell’area (Giordania, Libano, Turchia) o in Europa che si risolve il problema. Il punto è mettere fine alla guerra, perché chi ne paga il prezzo è la popolazione civile, i più poveri”. 

Le difficoltà sanitarie ed economiche dei profughi
Seguendo l’appello di Papa Francesco in occasione dell’Anno giubilare della misericordia, la Caritas e le Chiese libanesi hanno promosso e continuano a portare avanti programmi di aiuto e assistenza, pur fra notevoli difficoltà. “Vi è un grave problema sanitario, cui cerchiamo di far fronte - racconta p. Paul - e poi un aiuto concreto per le spese di ogni giorno, perché la vita è molto cara, soprattutto per i profughi. Del resto questa crisi ha impoverito l’intera società libanese”. Da qui l’appello ai cattolici di tutto il mondo, perché attraverso una “donazione alla Caritas” sostengano davvero l’opera di quanti “sul campo” cercano di portare “aiuto e conforto” ai più sfortunati. (R.P.)