Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Chiesa \ Chiesa nel mondo

Austria: auguri del card. Schönborn al nuovo presidente

L'arcivescovo di Vienna Christoph Schoenborn  - AP

L'arcivescovo di Vienna Christoph Schoenborn - AP

“Il nuovo presidente deve cercare di unire il Paese”: lo ha detto il card. Christoph Schönborn, arcivescovo di Vienna e presidente della Conferenza episcopale austriaca (Öbk), alla luce dell’esito della votazione per l’elezione del Presidente federale che ha sancito la vittoria dell’indipendente Alexander Van der Bellen. “La campagna elettorale si è fortemente polarizzata, ha ribadito il porporato in una dichiarazione all’agenzia cattolica “Kath Press” ripresa dal Sir. Sono convinto che gli austriaci democratici siano maturi per agire cooperando. Questo sarà il primo impegno di promozione del nuovo Presidente”.

Cooperazione, responsabilità e rispetto tra politici e cittadini
L’arcivescovo di Vienna ha sottolineato come il nuovo Presidente, i cittadini e tutte le forze politiche interessate “siano sfidati nella ricerca del rispetto e della responsabilità”. “L’alta affluenza alle urne dimostra il forte rispetto degli austriaci per l’ufficio del Presidente – ha evidenziato il porporato – e ci si aspetta che egli rappresenti il Paese come parte della famiglia delle nazioni e sia un esempio di buona cooperazione”. Considerando la minima differenza nei risultati del ballottaggio elettorale, “sarà importante che il nuovo Presidente rappresenti più ciò che unisce, che ciò che divide”, ha aggiunto. “Auguro la benedizione di Dio al nuovo Presidente – ha concluso il porporato - auspicando buoni risultati per rendere sempre l’Austria un Paese stabile, libero e prospero” e per il suo ruolo “in Europa e nel mondo”. (I.P.)