Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

RV ITALIA - 105 FM

Mondo \ Italia

Festival Rondine ad Arezzo: senza legalità non c'è pace nel mondo

La sede della Cittadella della pace ad Arezzo - ANSA

La sede della Cittadella della pace ad Arezzo - ANSA

'You Topic Fest' ad Arezzo

Nella sede di Rondine - Cittadella della Pace, il primo festival internazionale dell'associazione che vede la presenza di 160 giovani provenienti da luoghi di guerra e conflitto che si sono formati a Rondine e che tornano in Italia per condividere le esperienze nella costruzione della pace nei loro Paesi.   

Con noi, Franco Vaccari, fondatore e presidente dell'Associazione Rondine-Cittadella della Pace, il diplomatico italiano Giuseppe Cassini e mons. Giorgio Biguzzi, vescovo emerito della diocesi di Makeni in Sierra Leone.

E' il 'Festival Internazionale dei Cittadini del Terzo Millennio'

“You Topic Fest' è un'iniziativa "ricca di occasioni per riflettere insieme sui nuovi fattori della politica internazionale, che oggi si incarnano nel dialogo tra le culture e le religioni, nell’impegno delle ONG nazionali ed internazionali, nell’impegno disinteressato di tante associazioni, come la Rondine, che fanno della trasparenza e della legalità, della salvaguardia del pianeta, della promozione dei diritti umani nel mondo, il terreno privilegiato per vivere la loro passione civile”. 

Come costruire la pace

Tantissimi i laboratori promossi dai giovani di Rondine incentrati sui temi della comunicazione, dei diritti umani, fino all’ambiente, allo sport e alla legalità: “Pensiamo che la legalità sia un atteggiamento che deve essere proprio di ogni cittadino del Terzo Millennio, raccontano  gli studenti di Rondine Andrea Cutrera e  Mirta Simone. La legalità parte dalle piccole cose ed è importante per la nostra società. In questo momento è importante riscoprire il valore dei legami tra le persone: per ogni individuo e per la collettività. Se qualcuno fa qualcosa, allora si può fare molto”.


(Luca Collodi)