Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

App:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Papa Francesco \ Documenti

Istituti secolari, Papa: portate il cielo tra la gente di oggi

Gli Istituti secolari, "sintesi" tra laicità e consacrazione - RV

Gli Istituti secolari, "sintesi" tra laicità e consacrazione - RV

“L’ala avanzata della Chiesa nella nuova evangelizzazione”. È quello che il Papa chiede di essere nel mondo ai membri degli Istituti secolari, che ieri hanno concluso a Roma la loro Conferenza mondiale. Francesco, in un messaggio, a firma del cardinale segretario di Stato, Pietro Parolin, ha invitato ciascun Istituto a una “sintesi rinnovata” tra l’aspetto laicale e quello di consacrazione di questa particolare chiamata. Il servizio di Alessandro De Carolis:

“Fare unità tra consacrazione e secolarità, tra azione e contemplazione”. Non è mai cambiato l’impegno spirituale di fondo dei consacrati laici. “Voi siete – scriveva Paolo VI – ad una misteriosa confluenza tra le due poderose correnti della vita cristiana”, quella laicale e quella votata a Dio dalla professione dei consigli evangelici.

Consacrazione e laicità, stesso piano
Papa Francesco ricorda la lucidità di quelle parole, ma sposta la soglia più in là, perché essere membri di Istituti secolari nel mondo di oggi chiede, afferma nel suo messaggio, una “sintesi rinnovata” tra questi due aspetti. Un punto d’incontro, spiega, che aiuti secolarità e consacrazione a stare “insieme” senza “mai” separarsi, pena - sostiene - il vivere “in maniera formalistica” certi impegni senza frutto. E nemmeno a “subordinare un elemento all'altro”. “Non si è – sostiene Francesco – prima laici e poi consacrati, ma nemmeno prima consacrati e poi laici, si è contemporaneamente laici consacrati”. E da ciò, soggiunge, “deriva anche un'altra conseguenza importantissima: ci vuole un discernimento continuo, che aiuti a operare l'equilibrio; un atteggiamento che aiuti a trovare Dio in tutte le cose”.

"Saldare" il cielo alla terra
Per riuscirvi, ci vuole un’accurata formazione che chiarisca come, pur non “essendo richiesta” ai laici degli Istituti secolari la vita comunitaria, tuttavia “è essenziale – indica il Papa – la comunione con i fratelli”. Inoltre, prosegue, “la secolarità si muove con un ampio respiro, su vasti orizzonti” e questo spinge a chi ne fa parte di accettare da un lato “la complessità, la frammentarietà e la precarietà del nostro tempo” e dall’altro di essere creativi nell’“immaginare nuove soluzioni, inventare risposte inedite e più adeguate alle nuove situazioni che si presentano”, “vivendo – asserisce Francesco – una spiritualità capace di coniugare i criteri che vengono ‘dall'alto’, dalla grazia di Dio, e i criteri che vengano ‘dal basso’, dalla storia umana”, letta e interpretata.

Vita normale e divina come Maria
Il Papa esorta gli Istituti secolari a un’intensa “vita di preghiera”, a “essere un focolare acceso” per uomini e donne che cercano una luce e, per il fatto di essere immersi nel mondo, “testimoni del valore della fraternità e dell’amicizia”. Allora, conclude, “la sfida più grande, anche per gli istituti secolari, è quella di essere scuole di santità”, con i consigli evangelici di castità, povertà e obbedienza a testimoniare che si può essere liberi e umili e a servizio degli altri. “Qual è – si domanda – l'umanità che avete davanti? Persone che hanno perso la fede o che vivono come se Dio non esistesse, giovani senza valori e ideali, famiglie sfaldate, disoccupati, anziani soli, immigrati…”. Quanti “volti incrociate per la strada, recandovi al lavoro o andando a fare la spesa. Quante occasioni avete per dare ristoro, incoraggiare, dare speranza, portare consolazione!". Il vostro modello, termina Francesco, sia sempre Maria, che "conduceva una vita normale, simile a quella di tanti altri, e così colaborava all'opera di Dio".