Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Chiesa \ Ecumenismo

Chiese svizzere: vivi non hanno diritto di decidere su vita nascituri

Il Papa benedice una donna in attesa di un bimbo - REUTERS

Il Papa benedice una donna in attesa di un bimbo - REUTERS

“La protezione della dignità umana non ha nulla a che vedere con libertà di disporre di se stessi: al contrario, essa precede sempre l’autodeterminazione. L’essere umano non può garantire da sé la propria dignità, è dunque sempre la dignità altrui che occorre proteggere”. È quanto affermano le Chiese svizzere in una dichiarazione congiunta l’odierna Giornata mondiale dei diritti umani.

Una parte dell’umanità può arrogarsi il diritto di decidere della vita altrui
“In numerosi ambiti, come la migrazione, la mondializzazione e il commercio internazionale, il cambiamento climatico e la tutela dell’ambiente, o ancora l’inizio e la fine della vita, il rispetto dei diritti umani non è una cosa scontata”, sottolineano i leader cristiani. “Il motivo per cui l’esigenza etica dell’indisponibilità della dignità umana è generalmente rifiutata è che essa costituisce un ostacolo al progresso scientifico e tecnico e all’attività economica”. Ma “questo potere discrezionale ha un prezzo che viene pagato dalle persone che non possono disporre della propria vita perché non hanno né potere politico, né possibilità economiche”. Ed è così che “una parte dell’umanità può arrogarsi il diritto di decidere della vita altrui: i sazi decidono la sorte degli affamati, i potenti quella dei deboli, i vivi quella di chi non è ancora nato. Forse – si osserva - in un futuro non tanto lontano anche le persone anziane dovranno giustificare la loro pretesa di vivere nella nostra società godendo dello stesso rispetto e degli stessi diritti di chi conduce una vita produttiva”.

La dignità umana non si costruisce
Per questo, secondo le Chiese cristiane elvetiche, occorre rivedere radicalmente questa visione: “La disponibilità della dignità umana eretta a dogma nega a quest’ultima il posto che le spetta nel mondo, perché la dignità pertiene proprio a ciò che deve sempre restare fuori dalla portata dell’uomo. Essa non si costruisce: non può che essere riconosciuta come tale”, conclude il messaggio. (A cura di Lisa Zengarini)