Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Mondo \ Africa

Nigeria: oltre 800 morti e 16 chiese distrutte dai terroristi Fulani

Vittime dei terroristi Fulani - AFP

Vittime dei terroristi Fulani - AFP

"Negli ultimi tre mesi, in più della metà del territorio della parte meridionale dello Stato di Kaduna c’è stata una intensificazione degli attacchi da parte del Fulani Herdsmen Terrorist (Fht), un gruppo terroristico di pastori nomadi di etnia Fulani” denuncia mons. Joseph Danlami Bagobiri, vescovo di Kafanchan, nello Stato di Kaduna, durante una sua visita alla sede italiana di Aiuto alla Chiesa che Soffre (Acs). “In Occidente questo gruppo è quasi sconosciuto” sottolinea mons. Bagobiri, ma è responsabile da settembre ad oggi - riporta l'agenzia Fides - dell’incendio di 53 villaggi, della morte di 808 persone, del ferimento di altre 57, della distruzione di 1.422 case e di 16 chiese.

Oltre 12.000 cristiani uccisi e 2.000 le chiese distrutte a causa del terrorismo
Il vescovo ricorda che dal 2006 al 2014, sono più di 12.000 i cristiani uccisi e 2.000 le chiese distrutte a causa del terrorismo in Nigeria. Il maggior responsabile di questi crimini è il gruppo fondamentalista islamico Boko Haram. Mons. Bagobiri rileva che Boko Haram non è l'unico gruppo che diffonde il terrore nel Paese africano, sottolineando il ruolo dei pastori Fulani negli ultimi anni.

Chi sono i Fulani?
I Fulani sono un gruppo etnico nomade protagonista da tempo di conflitti ricorrenti con gli agricoltori della zona. Tuttavia negli ultimi tempi gli attacchi sono di un tipo completamente diverso dai vecchi scontri tra contadini e pastori, perché questi ultimi usano “armi sofisticate che prima non esistevano, come AK-47, la cui origine c’è sconosciuta” sottolinea mons. Bagobiri. (L.M.)