Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Chiesa \ Chiesa nel mondo

Card. Tagle: la pena di morte alimenta solo ciclo di violenze

ll cardinale Luis Antonio Tagle - RV

ll cardinale Luis Antonio Tagle - RV

Il cardinale arcivescovo di Manila, Luis Antonio Tagle, ha affermato - in una guida pastorale pubblicata giovedì - che la pena capitale potrebbe alimentare solo un ciclo di violenze. “Le sanzioni - aggiunge - non devono essere imposte per vendetta, ma per correggere gli autori dei reati e per il bene della società". La dottrina cattolica si oppone alla pena di morte anche perché il rischio di uccidere un innocente non può mai essere escluso. "C'è il pericolo reale – afferma il porporato filippino - che la pena di morte possa essere applicata ad una persona innocente".

Necessità di riformare le istituzioni per salvaguardare la giustizia
"Abbiamo bisogno di riformare le istituzioni - ha aggiunto - in modo da salvaguardare la giustizia, evitando la diffusione di una cultura della violenza". Così come altri Paesi hanno abbandonato l'uso della pena di morte, il cardinale Tagle si è rivolto ai legislatori perché trovino altri mezzi per contrastare i crimini, dando ai trasgressori l'opportunità di correggersi. "Una cultura della violenza disumanizza. Una cultura della giustizia, integrità e speranza guarisce". Nel rimarcare che la pena di morte non è una soluzione alla criminalità, l'arcivescovo di Manila ha anche detto che il problema deve essere affrontato alla radice, fornendo soluzioni alla povertà. “Per aiutare a risolvere le radici della criminalità - ha affermato - la Chiesa e lo Stato devono proteggere e rafforzare l'unità alla base della società, che è la famiglia". (A cura di Anna Poce)