Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Società \ Bioetica

O. Tarzia: 40 anni di sfide per la vita; dall’aborto al gender

Un'immagine della marcia per la vita del 2013 - ANSA

Un'immagine della marcia per la vita del 2013 - ANSA

"Ci alzeremo in piedi. L’Italia dall’aborto alle unioni civili: il mio viaggio tra passione civile e testimonianza cristiana". È titolo del libro di Olimpia Tarzia presentato oggi presso la Pontificia Università Lateranense,  alla presenza del rettore mons. Enrico dal Covolo, alla vigilia della 39esima Giornata per la vita indetta dalla Chiesa italiana. L’autrice, biologa, cofondatrice del Movimento per la vita ed esponente di punta nel panorama pro-life italiano, traccia un bilancio degli ultimi decenni che hanno visto moltiplicarsi gli attacchi alla vita.  Uno stravolgimento del tessuto sociale che, dalla promulgazione della legge sull'aborto nel 1978, ha visto in Italia oltre cinque milioni e mezzo di interruzioni di gravidanza e un’impennata del consumo della cosiddetta pillola del giorno dopo pari al 400%. Su questo tema e le altre sfide legate all’antropologia umana tratteggiate in questo volume, Marco Guerra ha intervistato la stessa Olimpia Tarzia:

R. – Questo libro, in realtà, ha il filo conduttore della mia storia: quindi dal 1978, dalla famosa approvazione della legge 194, quando eravamo ragazzi fuori dal Senato dove si approvava questa nefasta legge, e fino ai giorni d’oggi con le Unioni civili, con le nuove sfide. Lo scopo del libro, io confido che possa essere utile per tutti sicuramente, per chi vuole capire di più, e alzarsi in piedi, “reagire”, come diceva San Giovanni Paolo II. Ma fondamentalmente, credo che possa essere utile per i giovani che vogliono avvicinarsi alla politica, perché comprendano quanto è centrale il tema dei principi non negoziabili.

D. – “Alzarsi in piedi”: il titolo di questo libro che ripercorre 40 anni di impegno civile per la difesa della vita e dell’antropologia umana. Decenni in cui, dalla legge sull’aborto in poi, è stato colpito il tessuto della società italiana…

R. – Senza dubbio l’approvazione della legge 194, che ha legalizzato l’aborto in Italia, ha aperto un varco. Nel momento in cui una legge di Stato consente di uccidere un bambino non ancora nato, evidentemente vengono a crollare i primi diritti. Io ricordo sempre che il diritto alla vita non ha un colore né religioso né politico: è il primo dei diritti umani. Sappiamo oggi che la prima causa di ricorso all’aborto è di natura economica. Come si può pensare di vivere in uno Stato che, come Pilato, dice: “Sono problemi tuoi!”, di fronte ad una gravidanza difficile. Io credo che quella legge abbia banalizzato la vita umana. Dobbiamo tenere presente che gli attacchi alla vita sono sempre congiunti con gli attacchi alla famiglia, e si concentrano dove la vita umana è più debole: all’alba e al tramonto, quindi alla vita prenatale e alla vita terminale. È chiaro che, venendo meno la Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, che garantisce a tutti pari diritti – sani, malati, piccoli, grandi, ricchi, poveri… - è venuta meno la risposta forte che è la centralità di ogni azione, anche quella politica.

D. – Dalla legge sull’aborto al referendum sulla legge 40, sulla procreazione assistita. Sconfitte e vittorie che comunque dimostrano che esiste ancora una certa vitalità dei cattolici italiani, e anche dei laici, nella capacità di incidere nel dibattito pubblico. Siamo tutti chiamati all’impegno civile, credenti e non credenti?

R. – Non c’è dubbio, perché – ripeto – sono temi che non hanno un’appartenenza o una connotazione religiosa. E rispetto alla legge 40, io ricordo che non è assolutamente la legge dei cattolici. Non dimentichiamo che le tecniche di fecondazione artificiale, sia omologa che eterologa, comportano sempre perdite di vite umane. Però, quella legge 40 ha rappresentato una riduzione del danno, perché c’era un “Far West” totale. E le persone hanno capito; e chi è rimasto nel dubbio non è andato a votare. Quindi – davvero – noi dobbiamo fare ricorso alla ragione. Quindi credo che quel segnale sia stato importante. Certamente, non abbiamo saputo capitalizzarlo.

D. – La “cultura dello scarto”, evocata da Papa Francesco, è uno dei mali della società contemporanea. Non a caso, in queste settimane, va in Parlamento la discussione sul controverso testo sul fine vita, basato sull’autodeterminazione dell’individuo. C’è un altro modo per accompagnare le persone vicine alla morte?

R. – Papa Francesco si riferisce proprio all’uomo scartato. È chiaro che alla fine, un morente, anche un disabile grave, in questa logica viene considerato un peso, una difficoltà, una spesa sanitaria, quindi da eliminare. Pensiamo proprio anche a questa legge attualmente in corso a livello parlamentare, dove si prevede che l’idratazione e l’alimentazione sia possibile sospenderle. Ora, quella non è una terapia. Anche la Chiesa è contraria all’accanimento terapeutico. Da questo punto di vista, questa cultura dello scarto, se noi la abbiniamo all’utilitarismo, al mercato, ecco che abbiamo una miscela esplosiva.

D. – Lei ha parlato di attacchi all’alba e al tramonto della vita. Quali sono le prossime sfide che dopo questi 40 anni dovranno essere raccolte e combattute?

R. – Prima di tutto, bisogna puntare a formare giovani perché si impegnino in una politica con la “P” maiuscola. La politica deve fare leggi che siano rispettose di tutte le dichiarazioni universali dei diritti dell’uomo, della dignità della persona umana. Io credo che di fronte al dramma dell’utero in affitto tutte le donne del mondo – anzi – soprattutto le femministe che io incontrai nel 197,  e che dicevano: “L’utero è mio e lo gestisco io!”, si dovrebbero ribellare. Perché è la peggiore schiavitù a cui può essere sottoposta una donna, utilizzata semplicemente come un’incubatrice: tra le schiavitù più orrende! Ed evidentemente è chiaro che se noi banalizziamo anche il concetto di uomo-donna, sotto c’è la questione del gender, anche qui siamo di fronte alla follia pura, al voler chiamare “genitore 1; genitore 2” invece di “mamma e papà”. È uno stravolgimento epocale! Io credo che però davanti a questo bisogna – ecco –  “alzarsi in piedi".