Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Chiesa \ Chiesa nel mondo

Congo: saccheggiati un seminario e una parrocchia

La chiesa di san Domenico profanata a Kinshasa - RV

La chiesa di san Domenico profanata a Kinshasa - RV

I miliziani di Kamwina Nsapu hanno saccheggiato il seminario maggiore di Malole di Kananga, nel Kasai Centrale, nella Repubblica Democratica del Congo. Lo riferisce l’agenzia Fides. I miliziani hanno rotto sistematicamente le porte delle camere e distrutto tutto quello si trovava dentro.

Saccheggiato il seminario di Kasai, poi liberato dopo un’ora di scontri
"Sono entrati nelle camere degli insegnati ed hanno bruciato i loro bagagli” ha dichiarato a Radio Okapi il rettore del seminario, don Richard Kitenge. Dopo uno scontro durato un’ora, l’esercito è riuscito a liberare il seminario dai miliziani. Il fatto risale a sabato scorso, il giorno prima che Papa Francesco lanciasse il suo appello, dopo l’Angelus, per questa provincia congolese da mesi sconvolta dalle violenze dei seguaci del defunto leader tradizionale Kamwina Nsapu, ucciso ad agosto dalle forze di sicurezza. In un comunicato inviato all’agenzia Fides, il vescovo di Luiza, mons. Félicien Mwanama Galumbulula, aveva denunciato “violenze eccezionali e atrocità inimmaginabili nei confronti della popolazione”, commesse dai miliziani di Kamwina Nsapu in diverse località della sua diocesi del Kasai Centrale

Governo: movente politico dietro l’assalto ad una parrocchia di Kinshasa
Anche nella capitale Kinshasa si è avuto un grave atto vandalico nei confronti della Chiesa cattolica. Ieri una decina di giovani sconosciuti hanno saccheggiato la parrocchia di San Domenico alle prime luci dell’alba. Secondo la testimonianza del parroco, il gruppo era organizzato con zaini per portare via gli oggetti da depredare. Il governo congolese ha condannato l’assalto alla parrocchia ed ha affermato che gli assalitori avevano un movente politico.