Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Chiesa \ Chiesa nel mondo

Kenya: campagna di Quaresima dei vescovi dedicata a elezioni

Cardinale John Njue, arcivescovo di Nairobi - REUTERS

Cardinale John Njue, arcivescovo di Nairobi - REUTERS

“Elezioni credibili e pacifiche…leader con integrità”. È questo il tema scelto dalla Conferenza episcopale keniana, KCCB, per la campagna di Quaresima 2017. La campagna, organizzata dalla Commissione episcopale della Giustizia e della Pace, è stata lanciata il 25 febbraio a Nairobi con due processioni e una Messa presieduta dall’arcivescovo della capitale, il card. John Njue, e concelebrata da mons. Cornelius Arap Korir, presidente della Commissione Giustizia e Pace, alla presenza di diverse autorità.

Essere cittadini responsabili per avere leader responsabili
La scelta del tema quest’anno è stata dettata dalla volontà dei vescovi keniani di sensibilizzare i fedeli sull’importanza di “eleggere buoni leader” alla guida del Paese alle prossime elezioni presidenziali e legislative dell’8 agosto. “Gli ultimi quattro anni - ricorda mons. Arap Korir nella prefazione al sussidio della Campagna - sono stati segnati dalla richiesta di una maggiore responsabilità alle persone alle quali sono state affidate posizioni di leadership. Ci sono stati diversi tentativi di impeachment, inchieste giudiziarie per malversazioni, peculato e la lista è ancora lunga. Ecco perché – sottolinea il presule - il tema della responsabilità è importante: dobbiamo essere cittadini responsabili per avere leader responsabili e moralmente integri”.

Imparare dall’esperienza del passato
L’esperienza del passato - prosegue il vescovo di Eldoret - insegna che dobbiamo votare leader “non per la loro appartenenza etnica o ricchezza”, quanto piuttosto per la loro integrità morale. Mons. Korir esorta quindi i cattolici a farsi guidare dalla Dottrina sociale della Chiesa che insegna ad evitare “il culto del denaro”, ad avere riguardo per il prossimo, in particolare per i più svantaggiati, e ad amare anche i nostri nemici.

Cinque settimane dedicate ognuna ad un tema
Durante le cinque settimane che precederanno la Pasqua, i fedeli keniani saranno invitati a riflettere ed approfondire altrettanti temi che interessano oggi la vita del Paese.  La prima settimana sarà dedicata alla sicurezza: da quella dei bambini non nati e dell’infanzia, a quella di tutti i cittadini nei vari ambiti della vita sociale. La seconda si concentrerà sui giovani e la società,  la terza sulla cura e la protezione del Creato, mentre la quarta sarà dedicata alle elezioni. In questa settimana si parlerà in particolare dell’esigenza di un voto responsabile, trasparente e pacifico. Infine, la quinta e ultima settimana di Quaresima sarà incentrata sulla piaga ancora diffusa in Kenya dell’“etnicità negativa”, dove il pluralismo etnico, invece di essere fattore di arricchimento per la società diventa motivo di divisione e conflitti. (A cura di Lisa Zengarini)