Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Mondo \ Europa

G20, scontro tra Usa e Germania sul protezionismo

Il ministro Schaueble al G20 - EPA

Il ministro Schaueble al G20 - EPA

Il protezionismo della nuova amministrazione Trump rischia di complicare i colloqui al G20 dei ministri delle Finanze e dei governatori che inizia oggi in Germania. Il tema del commercio internazionale potrebbe essere messo da parte in attesa di un confronto fra i capi di Stato e governo. Alessandro Guarasci:

“Protezionismo e nazionalismo non sono mai la via giusta”. Lo ha detto il ministro delle Finanze tedesco Wolfgang Schaeuble a Francoforte, poche ore prima dell'incontro con il segretario del Tesoro di Donald Trump, Steven Mnuchin e alla vigilia del vertice dei ministri delle Finanze e dei governatori delle banche centrali del G20 a Baden-Baden. Il vertice rischia di essere condizionato tra lo scontro tra Stati Uniti e Germania.

“Dobbiamo collaborare per trovare un’intesa – ha detto Schaeuble - " i paesi sono oggi più connessi e dipendenti fra di loro e non possiamo riportare indietro l'orologio o far retromarcia con la globalizzazione”. Il congresso degli Usa nei fatti potrebbero imporre una “border tax” sulle importazioni, e la Germania è nel mirino di Washington dopo la Cina. La soluzione di mediazione potrebbe essere escludere il tema del commercio a Baden-Baden e attendere le mosse del Congresso Usa. Il resto dell’Europa guarda oeranche agli aiuti all’Africa, per arginare il flusso dei migranti.