Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Chiesa \ Chiesa nel mondo

Patriarcato caldeo: vocazioni, appello alla diaspora

Patriarcato caldeo in Iraq - RV

Patriarcato caldeo in Iraq - RV

Le comunità caldee della Diaspora, con i loro vescovi, sono sollecitate a prendere iniziative per affrontare in loco il problema della carenza di vocazioni sacerdotali, anche incentivando le ordinazioni sacerdotali di uomini sposati. Sono le indicazioni e i suggerimenti contenuti in un comunicato del Patriarcato caldeo che risponde così alle comunità caldee disseminate in tutto il mondo che hanno chiesto l’invio urgente di sacerdoti per la cura pastorale dei fedeli emigrati dall’Iraq.

Prioritaria la presenza di un congruo numero di sacerdoti in Iraq
Negli ultimi 15 anni l’esodo dei cristiani caldei dal Paese si è infatti intensificato a causa di diversi fattori: guerra, terrorismo, estremismo settario, mancanza di sicurezza e instabilità politica. “Il Patriarcato – si legge nel comunicato ripreso dall'agenzia Fides – sa bene che ci sarebbe bisogno di sacerdoti per le comunità caldee che si trovano in Australia, Canada, Stati Uniti, Europa e in diversi Paesi del Medio Oriente”. Ma la scarsità di vocazioni rende di fatto impossibile venire incontro alle tante richieste. E dovendo scegliere, il Patriarcato afferma di considerare prioritaria la permanenza di un congruo numero di sacerdoti presso le diocesi che amministrano i territori iracheni.

Favorire l’aumento del numero dei sacerdoti in tutte le diocesi
Il Patriarcato invita quindi tutti i vescovi a cercare soluzioni per favorire l’aumento del numero dei sacerdoti nelle rispettive diocesi, compreso un maggior ricorso all’ordinazione sacerdotale di uomini sposati, contemplata nella disciplina canonica delle Chiese cattoliche orientali. (L.Z.)