Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

App:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Chiesa \ Chiesa nel mondo

Card. Sandri: restauro Santo Sepolcro dà coraggio ai cristiani

La riapertura della tomba di Gesù dopo l'opera di restauro - EPA

La riapertura della tomba di Gesù dopo l'opera di restauro - EPA

Dopo quasi un anno di lavori, è stata riaperta ieri a Gerusalemme l'edicola che custodisce la Tomba di Gesù all'interno del Santo Sepolcro nella città vecchia. L’opera di restauro ha permesso di dare nuova solidità all’edificio. L'Edicola era stata costruita dopo l'incendio del 1808 che aveva distrutto la struttura precedente. Nel 1927 era stata danneggiata da un forte terremoto. La storia plurisecolare dell’Edicola è stata, negli anni, duramente messa a rischio da vari fattori, tra cui l’ umidità e il fumo delle candele. Dopo il restauro, la tomba di Cristo è riapparsa nel suo antico splendore.

Edicola riaperta dopo una cerimonia ecumenica
La fine dei lavori è stata suggellata, ieri, da una cerimonia ecumenica. Al rito hanno partecipato importanti autorità politiche e religiose. Mons. Giuseppe Lazzarotto, Delegato Apostolico a Gerusalemme, ha letto il messaggio del cardinale Leonardo Sandri, prefetto della Congregazione per le Chiese orientali.  “A nome del Santo Padre Francesco – ha scritto il prefetto - vorrei esprimere la fraterna riconoscenza alle varie Chiese che custodiscono con amore questo santuario per la testimonianza di fede, di dialogo e di rispetto, come pure ai Paesi che hanno contribuito al restauro”.

Il card. Sandri: questo sepolcro infonde coraggio
“È molto apprezzabile – ha sottolineato il porporato - la collaborazione e la generosità dei responsabili dei Paesi della Terra Santa, del Medio Oriente e del mondo intero per il restauro di questo Luogo venerato da tutti i cristiani. “Da oltre 2000 anni – ha aggiunto il cardinale Sandri - i fedeli si recano a Gerusalemme, per inginocchiarsi davanti alla tomba vuota, dove è stato deposto il corpo di Gesù, e venire così confermati nella fede”. “La tomba della morte è diventata il grembo della vita”. “Questo luogo santo – si legge nel messaggio - illumina i cuori e la vita di milioni di pellegrini provenienti da ogni dove e li invita a vivere con speranza tra le molte sofferenze e dolori”. Insieme, la celebrazione quotidiana, nei diversi riti, presso la roccia di questo sepolcro vuoto infonde sempre nuovo coraggio alle popolazioni cristiane del Vicino e Medio Oriente”.

Padre Patton: opera di restauro grazie a relazioni fraterne
“Il sepolcro vuoto - ha detto il Custode di Terra Santa padre Francesco Patton - è il luogo dove anche fisicamente è iniziata una nuova creazione, un mondo nuovo nell’istante di luce in cui Gesù è risorto”. “L’aver potuto realizzare i lavori di conservazione, restauro e riabilitazione dell’Edicola del Santo Sepolcro grazie alla collaborazione delle nostre tre comunità ha anche un valore ulteriore: è il segno di una importante crescita di relazioni fraterne tra di noi e tra le nostre comunità, all’insegna della fiducia reciproca e della collaborazione”.

Il Patriarca Teophilo III: unità di intenti segno di speranza
Il Patriarca greco ortodosso Teophilo III ha sottolineato il significato ecumenico della celebrazione, affermando che le chiese hanno dimostrato di condividere la stessa unità di intenti. “Questa unità di intenti – ha detto - è un segno di speranza per le generazioni future”. Il Patriarca ha sottolineato che “non è solo un regalo fatto alla Terra Santa, è un regalo al mondo intero".

Il vescovo armeno Manougian: agire secondo il comandamento dell'amore di Gesù
Il vescovo armeno Nourhan Manougian ha parlato anche della necessità di agire secondo il comandamento dell'amore di Gesù. Il vescovo armeno ha poi chiesto al patriarca greco-ortodosso e al custode di Terra Santa di considerare la possibilità di concedere anche a tutte le cinque Chiese presenti in Terra Santa di celebrare all'interno del Santo Sepolcro. È giunto inotlre un messaggio dal Patriarca di tutti gli armeni Garegin II: “L'unità delle Chiese nelle attività di restauro – si legge nel documento - è una significativa testimonianza della solidarietà e della collaborazione, in accordo con il comandamento dell'amore cristiano dell'unità”. (A cura di Amedeo Lomonaco)