Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Chiesa \ Chiesa nel mondo

Mons. Urbańczyk: traffico bambini migranti è scioccante

Minori migranti - ANSA

Minori migranti - ANSA

Minacce per i bambini nelle aree di crisi, sistemi effettivi di protezione dei minori, linee guida per lo sviluppo di politiche efficaci. Su questi tre focus si è concentrato mons.Janusz S. Urbańczyk, osservatore permanente della Santa Sede presso l'Osce, alla 17.ma Conferenza promossa dall'organizzazione, che si è tenuta a Vienna fino a ieri nell'ambito dell'Alleanza contro il traffico di persone. Mons.Urbańczyk ha ricordato, in particolare, le molteplici forme di schiavitù di cui i bambini sono vittime. E’ profondamente scioccante - ha osservato - che la riduzione in schiavitù di esseri umani, e in particolare di minori, sia diventato per i trafficanti un business altamente redditizio in diverse regioni del mondo.

Minacce per i bambini nelle aree di crisi
Il presule ha inoltre sottolineato la priorità di rispettare pienamente il diritto di ogni bambino a vivere nella sua famiglia. Ma assistiamo alla tragica realtà - ha aggiunto - di giovani ragazze e ragazzi abusati, ridotti in schiavitù, impiegati come soldati in conflitti, coinvolti nel traffico di droga. Deve essere affrontata, in particolare, la questione dei bambini migranti e quella dello squilibrio che contraddistingue l’offerta formativa di base a livello mondiale. Anche se siamo tutti impegnati a proteggere la dignità umana - ha affermato mons. Urbańczyk - il lucro rimane la leva più potente alla base dello sfruttamento e dell’abuso dei bambini.

Sistemi effettivi di protezione dei minori
Ricordando che tra i migranti ci sono molti bambini non accompagnati, mons. Urbańczyk ha poi indicato tre urgenze: fornire assistenza per garantire che tutti i bambini siano registrati nei loro Paesi di origine, fissare accordi internazionali per tutelare i diritti dei minori; creare reti efficienti per affrontare la tratta e lo sfruttamento. Mons. Urbańczyk ha ricordato, in particolare, l’iniziativa di “Talitha Kum", la rete internazionale della vita consacrata contro la tratta di persone che, in oltre 70 Paesi, promuove iniziative contro la vergognosa piaga del traffico di esseri umani.

Linee guida per lo sviluppo di politiche efficaci
Riferendosi alle linee guida per affrontare il turpe fenomeno della tratta di persone, mons. Urbańczyk ha affermato che è cruciale la cooperazione efficace tra politica, forze di polizia, agenzie di investigazione nazionali e organizzazioni non governative. Una collaborazione necessaria - ha detto - anche per tutelare i minori lungo il loro viaggio dal Paese di origine a quello di destinazione. E’ fondamentale - ha detto infine il presule - riconoscere la necessità di un “cambiamento culturale” per “instillare in ogni coscienza” quei valori universali così chiaramente espressi nella Dichiarazione dei diritti dell'uomo. (A cura di Amedeo Lomonaco)