Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Papa Francesco \ Viaggi e Visite

Il Papa il primo ottobre sarà a Cesena e Bologna

Il vescovo di Bologna Matteo Zuppi - ANSA

Il vescovo di Bologna Matteo Zuppi - ANSA

Papa Francesco si recherà in visita pastorale a Cesena e Bologna il prossimo primo ottobre. Il Pontefice ha accolto l’invito dei due vescovi, Douglas Regattieri e Matteo Zuppi, ad essere presente a Cesena, nella ricorrenza dei trecento anni della nascita di Papa Pio VI, e a Bologna in occasione del Congresso eucaristico diocesano. Grande la gioia delle due Diocesi. Ascoltiamo il vescovo di Bologna Matteo Zuppi al microfono di Luca Tentori:

R. - È una coincidenza voluta da Papa Francesco, la possibilità di poter annunciare ieri sera a Cesena e oggi da noi la sua visita pastorale. È una gioia grande che rende questo Congresso eucaristico un momento ancora più intimo e grande allo stesso tempo. Per cui davvero ringraziamo Papa Francesco per questo segno che ci rafforza nella comunione, che ci invita a viverla tutti con ancora più gioia e con maggiore responsabilità.

D. - Un programma breve ma intensissimo …

R. - Un programma breve e molto intenso: comincerà in Via Mattei dove incontrerà i tanti profughi, “la Lampedusa” che arriva qui; poi ci sarà la recita dell’Angelus, il pranzo con i poveri a San Petronio, un momento di accoglienza e di condivisone, l’incontro con i preti e religiosi in Cattedrale, l’incontro con gli universitari nella Basilica di San Domenico, il santo che è venuto a Bologna proprio per la presenza dell’università, e poi la Messa. Dobbiamo ancora verificare con esattezza il luogo più idoneo dove sarà ci anche la Madonna di San Luca: purtroppo non farà in tempo a visitarla. Per questo il Santo Padre  ha chiesto di portarla per la venerazione di tutti.

D. - C’è una gioia particolare nell’arcivescovo nel dare questa notizia?

R. - La gioia di poter condividere con Papa Francesco una realtà così profonda che durante questo anno del Congresso si è interrogata tanto su questa frase: ”Date voi stessi loro da mangiare”. Ci aiuterà senz’altro a vivere questo con gioia, cioè a dare questo Pane e questa Parola che sarà distribuito nella Messa. Vogliamo che durante la domenica, la Parola di Dio sia distribuita per tutti, perché insieme al Corpo è il Pane di amore rivolto a tutti.