Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

App:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Chiesa \ Chiesa nel mondo

Chiesa in America Latina crea la Rete del Grido per i migranti

Migranti vicini al confine tra Messico e Stati Uniti - AFP

Migranti vicini al confine tra Messico e Stati Uniti - AFP

Si chiama “Red Clamor”, “Rete del grido”, con un riferimento biblico al libro dell’Esodo (3, 7-8) in cui il Signore ascolta “il grido del popolo d’Egitto”: è la Rete latinoamericana e caraibica per la Pastorale di migranti, rifugiati e vittime della tratta. L’organismo, frutto di un lavoro durato quattro anni, riunisce gran parte delle organizzazioni di mobilità umana della Chiesa cattolica dell’America Latina e dei Caraibi. A sugellare la nascita della Rete, nei giorni scorsi, è stato un incontro svoltosi a Santiago de Caballeros, nella Repubblica Dominicana, organizzato dal Dipartimento Giustizia e solidarietà (Dejusol) del Consiglio episcopale latinoamericano.

I membri della Rete
Soddisfazione per l’operato è stata espressa da mons. Gustavo Rodríguez, presidente del Dejusol, il quale ha sottolineato “l’entusiasmo dei partecipanti al progetto”, che “realizza un sogno e dona speranza al futuro di questo tipo di Pastorale”. Tra i membri della Rete ci sono gli Scalabriniani, il Jesuit Refugee Service, diversi Dipartimenti della mobilità umana delle Conferenze episcopali latinoamericane (Repubblica Dominicana, Messico, Guatemala, Haiti, Cile), oltre a numerose Congregazioni religiose.

Un grande segnale di speranza
Dal suo canto, mons. Julio César Corniel, presidente della Pastorale sociale dominicana, ha ribadito che “la Rete del Grido rappresenta il consolidamento di linee concrete per il lavoro con i migranti, per unificarne i criteri, sentirsi sostenuti ed uniti nel cercare soluzioni ai problemi che si presentano. Senza dubbio, la Rete è un grande segnale di speranza”.

Migranti sperimentano situazioni terribili
Gli ha fatto eco padre Francisco Hernández, direttore del Segretariato Caritas dell’America Latina e dei Caraibi: “La migrazione è un tema fondamentale, poiché è uno dei problemi più grandi nel mondo. Per questo, ci sentiamo profondamente impegnati nel lavorare come comunione ecclesiale, in cui la diversità di sforzi e di esperienze ci permette di procedere in modo concreto e comune in favore dei migranti che sperimentano situazioni terribili”.

Riconoscere dignità dei migranti
In conclusione, la Rede del Grito desidera essere “un ospedale da campo in cui i migranti, gli sfollati, i rifugiati e le vittime della tratta possano essere accolti, protetti e curati, riconosciuti nella loro dignità ed aiutati ad integrarsi nelle comunità di accoglienza”. (I.P.)