Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Mondo \ Europa

Francia, l'ombra dell'Is sul voto. Arrestati due presunti terroristi

L'ex premier Francois Fillon - REUTERS

L'ex premier Francois Fillon - REUTERS

E’ allarme in Francia. Dopo l’arresto, ieri a Marsiglia, di due presunti terroristi pronti a colpire durante la campagna presidenziale, la polizia ha trovato, in un edificio sempre a Marsiglia, un esplosivo artigianale definito la “firma dell’Is in Europa”. Francesca Sabatinelli:

A pochi giorni dalle elezioni, la Francia è in stato di massima allerta. L’arresto ieri di due presunti affiliati all’Is, entrambi di nazionalità francesi, conosciuti per la loro radicalizzazione, nonché il ritrovamento di esplosivi ha alzato il livello di tensione. Il primo turno del 23 aprile è dunque accompagnato da un imponente schieramento di misure di sicurezza, concentrate soprattutto su Francois Fillon, ritenuto primo obiettivo di un possibile attacco dopo la scoperta di un videomontaggio con l’ex premier come protagonista, seguito dalla candidata dell’estrema destra Marine Le Pen.  Nell’appartamento perquisito dalle forze dell’ordine sono stati ritrovati armi, esplosivi, una bandiera nera dell’Is, una copia del Corano e materiale inneggiante alla vendetta. Gli arrestati, secondo il procuratore antiterrorismo, erano pronti a colpire e avevano “legami con reti in Belgio”. In un video, inoltre, i due prestano giuramento al sedicente Stato islamico.