Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Mondo \ Europa

Terrorismo a Parigi: morti poliziotto e attentatore

Macchine della polizia sugli Champs-Elysees dopo l'attacco terroristico - ANSA

Macchine della polizia sugli Champs-Elysees dopo l'attacco terroristico - ANSA

Francia ancora nella morsa del terrore. Ieri Parigi colpita al cuore da un attentatore che ha ucciso sugli Champs-Elysees, a colpi di kalashnikov, un agente di polizia e ne ha feriti altri due, prima di venire a sua volta ucciso. Stabilita la sua identità, che non verrà per il momento diffusa, ma l’Is nel frattempo ha rivendicato l’attacco. E mentre si indaga sulla presenza di complice, campagna elettorale sospesa per tutti i candidati alle presidenziali. Il servizio di Paola Simonetti:

Nel pieno centro di Parigi, blindato per decine di agenti anche per la campagna elettorale presidenziale in corso, ieri sera alle 20:50 un nuovo attacco terroristico ha seminato morte: un 39enne armato di kalashnikov ha sparato sugli Champs-Elysees uccidendo un poliziotto e ferendone altri due, prima di venire freddato da altri poliziotti. A poche ore dall’attacco è giunta la rivendicazione del sedicente Stato Islamico, ma si indaga in modo minuzioso sull’attentatore, di cui non è stata resa nota l’identità per non compromettere le indagini in corso.

Un filone delle indagini sarebbe indirizzato anche sulla presenza di un complice in fuga, probabilmente arrivato da Parigi in treno, ma le autorità non hanno fornito al riguardo, per ora, conferme ufficiali, La sparatoria è avvenuta mentre in tv era di scena l'ultimo confronto fra i candidati alle presidenziali in vista del voto di domenica; tutti hanno deciso di annullare gli impegni elettorali per la giornata di oggi. Il presidente, Hollande, dal canto suo ha convocato un consiglio di Difesa per questa mattina all'Eliseo.