Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

App:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Chiesa \ Chiesa nel mondo

Il nuovo nunzio a Malta: al servizio di una Chiesa in movimento

Mons. Alessandro D'Errico, nuovo nunzio apostolico a Malta - RV

Mons. Alessandro D'Errico, nuovo nunzio apostolico a Malta - RV

Ieri Papa Francesco ha nominato nuovo nunzio apostolico a Malta mons. Alessandro D’Errico. Napoletano, 66 anni, mons. D'Errico lascia la Croazia, dove guidava la nunziatura dal 2012. Ascoltiamo il presule al microfono di padre Siniša Štambuk, responsabile del Programma croato della nostra emittente:

R. – Vorrei dire che un po’ mi dispiace, ovviamente, lasciare la Croazia: sono stato qui cinque anni e prima ho fatto altri sei anni e mezzo in Bosnia Erzegovina … Quindi, credo di poter dire di essere al servizio del popolo croato da 11 anni abbondanti; però devo dire anche che sono molto grato al Santo Padre Francesco per aver pensato a me per questa nuova missione di grande importanza nel contesto internazionale attuale, per il ruolo che il Mediterraneo svolge nello scenario mondiale. Io, ovviamente, sono molto grato a tutti gli amici che ho incontrato durante questi 11 anni di servizio al popolo croato e sono molto grato alle autorità, ai vescovi, ai sacerdoti, ai religiosi e ai tanti bravi laici che ho visto. Parto con un gran ricordo di quello che ho potuto sperimentare qui, in questi anni. Per quel che riguarda specificamente la Croazia ho già detto ai superiori che veramente rendo grazie a Dio per questa esperienza che ho fatto, perché qui ho trovato una Chiesa solida, di grandi tradizioni, di fede, di cultura …

D. – Che cosa le piacerebbe che i croati ricordassero di lei e della sua missione? Quale visione del Papa lei ha voluto portare qui, in Croazia?

R. – Io sono venuto qui avendo ben chiari i tre ruoli di un rappresentante pontificio che innanzitutto deve favorire buone relazioni con la Chiesa locale – tra la Chiesa locale e la Santa Sede; l’arcivescovo Puljić ha parlato del rinnovamento che ho cercato di realizzare al servizio della Chiesa in Croazia, specialmente per le nomine dei vescovi che abbiamo realizzato durante questi anni e, secondo, ho cercato di tenere sempre aperti buoni ponti, buone strade, buone relazioni con le autorità locali sia a livello centrale sia a livello di municipi e contee. Terzo, ho cercato di mantenere e favorire buone relazioni ecumeniche e di dialogo interreligioso sia con la Chiesa ortodossa sia con l’islam sia con le altre denominazioni religiose presenti in Croazia. Per quanto riguarda Papa Francesco, vediamo tutta la trasformazione, tutto il rinnovamento che egli sta producendo a livello di Chiesa universale, nel suo desiderio, con la sua testimonianza, di un ritorno alle origini del Vangelo e della Parola di Gesù. Quello che mi impressiona di Papa Francesco è la coerenza con cui porta avanti un programma. Io dico sempre che a volte ho l’impressione che non abbiamo di Papa Francesco un’idea adeguata perché i media ci danno quasi l’impressione di un bravo nonno che accarezza, che sorride … Io penso che Papa Francesco, a parte questo – è anche questo – abbia chiaro un programma di Chiesa che vuole realizzare, un po’ per volta, che è il programma della “Evangelii gaudium”, e cioè di una Chiesa che sia fedele all’ultima parola di Gesù: “Andate. Andate e portate la buona novella a tutti i popoli”. Dunque, una Chiesa che si pone sempre in movimento, che non si accontenta di ciò che ha ereditato dal passato; una Chiesa che esce, che va incontro. E lui dice: “Verso le periferie”: verso le periferie, intende in senso materiale, in senso morale … Non si tratta soltanto di dire: facciamo tanto a livello di Caritas e di assistenze varie attraverso le nostre organizzazioni umanitarie; per Papa Francesco è importante andare avanti, anche verso le periferie esistenziali, cioè quelli che sono lontani da noi, quelli che venivano e non vengono più … Non possiamo andare avanti da soli, dobbiamo porci in ascolto e in dialogo con tutte le istanze, con tutte le speranze, a volte anche con tutte le sfide che ci vengono da questo mondo che ci circonda e che qualche volta può non essere pienamente in sintonia con i nostri criteri; ma dobbiamo sempre renderci disponibili a questo confronto che porterà senz’altro buoni frutti a tutti i livelli.