Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Papa Francesco \ Documenti

Papa: lavoro, bisogno fondamentale, non può essere negato

Casina Pio IV, sede della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali

Casina Pio IV, sede della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali

Il lavoro è una “capacità innata” e un “bisogno fondamentale”. Lo scrive il Papa nel Messaggio alla professoressa Margaret Archer, presidente della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali, in occasione della sessione plenaria dell’organismo, in corso fino al prossimo 2 maggio. Tale affermazione, spiega Francesco, è ben più forte rispetto al concetto di lavoro come “diritto”: la storia insegna infatti che “i diritti possono essere sospesi o addirittura negati; le capacità, le attitudini e i bisogni, se fondamentali, no”.

Partecipazione sociale e interrelazione tra persone
Il tema della plenaria, “Verso una società partecipativa: nuove strade per l’integrazione sociale e culturale”, invita a riflettere – aggiunge il Pontefice – sulla questione della partecipazione sociale. Dal momento che la società è “una realtà partecipativa per il reciproco interscambio”, dobbiamo rappresentarla come “un tutto irriducibile e come un sistema di interrelazione fra le persone”. La giustizia, prosegue il Papa, può essere allora ritenuta la “virtù” degli individui e delle istituzioni, che nel rispetto dei legittimi diritti mirano “alla promozione del bene di coloro che vi prendono parte”.

Fraternità, dignità e libertà
Richiamando al senso di “fraternità” e all’impegno “per l’allargamento dello spazio di dignità e di libertà delle persone”, Francesco nota che “ciò che è più inquietante oggi è l’esclusione e la marginalizzazione dei più da una partecipazione equa nella distribuzione su scala nazionale e planetaria dei beni sia di mercato sia di non-mercato”, come la dignità, la libertà, la conoscenza, l’appartenenza, l’integrazione, la pace. Proprio le diseguaglianze, “insieme alle guerre di predominio e ai cambiamenti climatici”, sono le cause della più grande migrazione forzata nella storia, “che colpisce oltre 65 milioni di esseri umani”, senza dimenticare il “dramma crescente” delle nuove schiavitù nelle forme del lavoro forzato, della prostituzione, del traffico di organi, che sono “veri crimini contro l’umanità”: è “allarmante” - conclude - “che oggi il corpo umano si compri e si venda, come fosse una merce di scambio”.