Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Mondo \ Medio Oriente

Siria: in vigore accordo per 4 zone cuscinetto

La Russia presenta le 4 zone cuscinetto - AFP

La Russia presenta le 4 zone cuscinetto - AFP

E’ entrato in vigore dalla mezzanotte l’accordo per la de-escalation in quattro zone della Siria occidentale. Dopo 6 anni di guerra, l’intesa è stata raggiunta il primo maggio da Russia, Turchia e Iran, e ha ricevuto l’assenso, più o meno diretto, di Stati Uniti, Giordania, Arabia saudita. Le forze governative e i ribelli che hanno firmato l'accordo accettano, quindi, di cessare le ostilità in quelle aree. Il servizio di Debora Donnini:

Mosca ha già  interrotto i bombardamenti sulle aree indicate dall’accordo per l’allentamento della tensione. Si tratta di quattro zone fuori dal controllo governativo e dominate, a vari livelli, dalle opposizioni armate e da sigle dell’estremismo islamico, dall’ala siriana di Al Qaeda all’Is. Saranno ora ciascuna sotto l’influenza  di Turchia, Giordania, Russia e Iran. Su queste parti della Siria sarò proibito anche solo il sorvolo di aerei della coalizione a guida americana. La lotta al terrorismo continuerà, promette comunque Mosca. Rassicurata l'Onu dal fatto che nell'accordo si parla di "apertura di corridoi umanitari". La Siria orientale e quella nord-orientale sono invece fuori dall'accordo: in quei territori i curdi, sostenuti da Usa e Russia, continuano quindi a combattere l'Is.