Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Chiesa \ Chiesa nel mondo

Vescovi Venezuela: rispettare la Costituzione, basta repressione

Manifestazioni in Venezuela - REUTERS

Manifestazioni in Venezuela - REUTERS

“Non riformare la Costituzione, ma rispettarla”. Così si apre il comunicato dei vescovi venezuelani in risposta all’iniziativa del governo del presidente Nicolás Maduro di convocare un’Assemblea Costituente per avviare la riforma della Costituzione attualmente in vigore. Una iniziativa che, secondo i vescovi, non risponde alle gravi necessità del Paese e rappresenta un nuovo tentativo di “indebolire lo stato di diritto”. In sette punti, i membri della presidenza della Conferenza episcopale venezuelana affermano che il popolo, in questo momento, ha bisogno di cibo, medicine, libertà, sicurezza personale e giuridica, e pace. “Tutto questo si potrebbe ottenere - si legge nel comunicato - se il governo attuasse le norme previste nel testo costituzionale in vigore e con una maggiore sensibilità di fronte a tanta carestia”.

La riforma è un tentativo di prolungare la permanenza al potere
Oltre alla proposta di riforma costituzionale, i vescovi si riferiscono anche alla “errata” decisione del Tribunale Supremo di Giustizia che ha abrogato le funzioni del Parlamento dando origine alle massicce proteste che da un mese si compiono in tutto il Paese. “I temi presentati dal presidente per appoggiare la sua proposta - scrivono i vescovi - non mirano a risolvere i problemi dei venezuelani, ma a prolungare la permanenza del suo governo al potere”. L’episcopato afferma che la riforma è un “nuovo tentativo di sostituire l’attuale Parlamento eletto dalla stragrande maggioranza rappresentativa del popolo sovrano”. I vescovi ricordano che una riforma simile è stata rifiutata dalla maggioranza della popolazione con il Referendum Consultivo del 2007. “In definitiva - si legge nel comunicato - questa proposta vuole mettere in pratica il Socialismo del XXI secolo”, già avviato dall’allora presidente Chávez, ovvero “un sistema totalitario, militarista, poliziesco, violento e repressivo che ha causato ogni male che oggi subisce il nostro Paese”.

Basta repressione delle proteste
L’episcopato esprime la propria vicinanza alla popolazione che soffre a causa della violenza provocata dal regime. E aggiunge: “In questo ultimo mese, ha mostrato la sua natura repressiva con l’uso eccesivo e inumano della violenza per soffocare le proteste”. Nel comunicato, i vescovi criticano la repressione attuata dalla Guardia Nazionale Bolivariana e dai gruppi armati, conosciuti come “colettivi”, che agiscono con il consenso delle autorità. Dunque, i vescovi incolpano il governo di agire contro persone che hanno il diritto di manifestare il proprio scontento e di protestare pubblicamente nelle strade. “Basta tanta repressione!” è l'esortazione dei presuli, invitando la popolazione a non rassegnarsi ed a protestare senza cadere “nel gioco di chi, generando violenza, vuole condurre il Paese verso scenari di maggiore conflitto per restare potere”.

Giornata di Preghiera per la pace in Venezuela
I vescovi hanno indetto una Giornata di Preghiera per la pace in Venezuela, domenica 21 maggio, nelle chiese e parrocchie di tutto il Paese. Per chiedere al Dio della vita e della pace la fine della repressione delle forze dell’ordine e nuove strade di riconciliazione. Infine, i vescovi ringraziano le parole di vicinanza e di solidarietà di Papa Francesco, pronunciate al Regina Coeli del 30 aprile, e chiedono i fedeli di “crescere nell’ascolto della parola di Dio e nella preghiera in ogni casa, in ogni istituzione ed in ogni comunità cristiana”. (A cura di Alina Tufani)