Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Chiesa \ Chiesa nel mondo

Panama: forum mondiale delle religioni per l'infanzia

Piccolo migrante non accompagnato - AFP

Piccolo migrante non accompagnato - AFP

Circa 430 leader delle principali religioni del mondo e 60 bambini, provenienti da circa 70 Paesi, insieme ai rappresentanti di organismi internazionali, sono riuniti a Panama City per studiare le azioni da intraprendere per eliminare qualsiasi tipo di violenza contro l’infanzia. Si tratta del V Forum mondiale della rete globale delle Religioni a favore dell’Infanzia (Gnrc), che è stato inaugurato ieri dal vescovo episcopaliano panamense Julio Murray. Obiettivo del Forum, organizzato dalla ong Arigatou International, è costruire un mondo migliore per i bambini e le bambine e sradicare le varie forme di violenza perpetrate contro di loro, come riferisce l’Agenzia Fides.

Assicurare che la pace prevalga e che i bambini siano al sicuro
“Proteggere i bambini dall’estremismo violento, la violenza delle bande armate e il crimine organizzato; coltivare la spiritualità e porre fine alla violenza, allo sfruttamento e agli abusi sessuali sui minori” sono i punti fermi di questo incontro, si legge in un messaggio inviato dal presidente di Arigatou, il reverendo Keishi Miyamoto. Il sacerdote cattolico cileno padre Sidney Fones, incaricato del comitato organizzatore del Forum, da parte sua, ha segnalato che “bisogna capire che tutte le persone hanno un ruolo per assicurare che la pace prevalga e che i bambini siano al sicuro”. “La nostra speranza è che le idee e i risultati di questo incontro generino azioni pratiche e fruttuose per la tutela dei piccoli” ha aggiunto.

Impegno di tutti a costruire un mondo libero dalla violenza contro l’infanzia
Prima dell’incontro principale, 60 bambini e giovani di 13 Paesi hanno preso parte ad un “preforum” nel quale hanno preparato le loro raccomandazioni da presentare alla convention interreligiosa. A conclusione dell’evento, l’11 maggio, i partecipanti firmeranno una dichiarazione con la quale si impegneranno a lavorare tutti insieme per costruire un mondo libero dalla violenza contro l’infanzia. L’incontro religioso in passato si era tenuto a Tokyo, Ginevra, Hiroshima e Dar es-Salam. La Gnrc, fondata nel 2000, comprende membri delle grandi religioni del mondo, come l’ebraismo, l’islam, il cristianesimo, il buddismo, che realizzano programmi regionali e locali con il fine di migliorare la vita dei bambini in America Latina, Africa, Europa, Asia del Sud, Caraibi e Medio Oriente.