Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Mondo \ Americhe

Russiagate: ex direttore Fbi nominato procuratore speciale

L'ex direttore Fbi, Robert Mueller - AP

L'ex direttore Fbi, Robert Mueller - AP

La Casa Bianca cerca di riprendere il controllo della situazione dopo le pesanti conseguenze del Russiagate. Washington, per allontanare il rischio di impeachment per il presidente Trump, ha investito l’ex capo dell’Fbi Mueller dell’incarico di portare avanti l’indagine sulle connessioni tra l’entourage di Trump e il governo di Putin. Francesca Sabatinelli :

Non sono in pochi a ipotizzare il rischio che il Russiagate possa finire col trainare l’impeachment per il presidente Trump. Il Dipartimento di Stato ha nominato un procuratore speciale, nella persona dell’ex direttore dell’Fbi, Robert Mueller, affinché sovrintenda alle indagini federali in corso a partire dalle presunte interferenze di Mosca sulle presidenziali 2016 fino ai possibili legami tra la campagna di Trump e agenti russi. Le indagini “dimostreranno che non c’è stata  collusione", si legge in una nota di Trump, diffusa dalla Casa Bianca dopo la nomina di Mueller.

Il New York Times, intanto, rivela che l’ex consigliere per la sicurezza nazionale Michael Flynn, travolto dal Russiagate, aveva rivelato al team di Trump di essere sotto inchiesta ancor prima di essere nominato. Flynn era indagato per aver ricevuto compensi come lobbista per conto della Turchia durante le presidenziali senza essersi registrato come agente straniero, così come previsto dalla legge per gli americani che rappresentano governi di altri Paesi. Immediato l’effetto Trump sui mercati, crollano dollaro e Wall Street, che trascina con sé le borse europee.