Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Chiesa \ Chiesa nel mondo

Filippine: 500 anni di Vangelo, preparativi per il 2021

Fedeli in preghiera a Manila (Filippine) - AFP

Fedeli in preghiera a Manila (Filippine) - AFP

E’ in pieno svolgimento nelle FIlippine la preparazione per il 500.mo anniversario dell’arrivo del Vangelo nel Paese (era il 1521): “Per prepararsi adeguatamente a questo importante appuntamento, la Chiesa nelle Filippine ha disposto un ciclo di nove anni (dal 2013 al 2021) che culmineranno con l’Anno Santo dell’anniversario, il 2021”, spiega all'Agenzia Fides mons. Socrates C. Mesiona, vicario apostolico di Puerto Princesa, sull’isola filippina di Palawan. “Furono i missionari spagnoli a portare la fede cristiana nelle Filippine 500 anni fa e oggi il Paese con la popolazione cattolica più ampia in Asia (e quarto nel mondo) ha 86 diocesi”, ricorda il vescovo. 

Cristiani filippini, l’ora della missione
L'evento sarà l'occasione per rilanciare il carattere missionario della Chiesa filippina: “Abbiamo ricevuto il dono della fede cristiana attraverso i missionari che sono venuti nella nostra terra; ora i battezzati delle Filippine sono chiamati a donarla agli altri”, spiega il presule, che è tuttora direttore nazionale delle Pontificie opere missionarie nelle Filippine e segretario esecutivo della Commissione episcopale per le missioni.

Sparsi nel mondo
È interessante notare – ricorda il Vescovo – che “migliaia di sacerdoti, religiosi e laici cattolici filippini sono già adesso missionari in tutto il mondo. Tra le congregazioni che inviano continuamente missionari all'estero vi sono la Società missionaria delle Filippine (Missionary Society of the Philippines), i Laici missionari delle Filippine (Lay Missionaries of the Philippines), e centinaia di altri istituti e ordini religiosi (maschili e femminili) nati localmente, impegnati in quelle aree dove la predicazione del Vangelo è una grande sfida a causa dei delicati contesti sociopolitici”.