Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

App:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Papa Francesco \ Incontri e Eventi

Il Papa incontra il Superiore generale dei Lazzaristi

Il padre sloveno Tomaz Mavric, superiore generale dei lazzaristi - RV

Il padre sloveno Tomaz Mavric, superiore generale dei lazzaristi - RV

In occasione dei quattrocento anni dalla vocazione di San Vincenzo De Paoli al servizio dei poveri e dei contadini, Papa Francesco ha ricevuto il reverendo padre Tomaž Mavrič, superiore generale della Congregazione della Missione, nota anche con il nome di “lazzaristi”. I missionari vincenziani, che operano in tutto il mondo, hanno avuto l’incoraggiamento del Papa, come spiega lo stesso padre Mavric al microfono di Michele Raviart:

R. – Con Papa Francesco ho avuto l’occasione di condividere il progetto di organizzare un simposio qui a Roma, nel corso del quale incontrerà la famiglia vincenziana di tutto il mondo. Il Papa sarà parte di questo incontro e questo è veramente una grazia per noi, perché questo carisma della Chiesa è vicino a Papa Francesco. Lui tante volte parla delle persone che hanno bisogno, dei poveri …

D. – Voi avete missioni in tutto il mondo: Papa Francesco vi ha dato parole di incoraggiamento?

R. – Sì, adesso siamo presenti in 150 nazioni; lui ci ha invitati ad avere forza, coraggio, di andare avanti perché il carisma è bello.

D. – Quali sono le sfide, oggi, per le missioni lazzariste?

R. – La sfida per tutta la famiglia vincenziana è di approfondire il nostro carisma, approfondire la nostra spiritualità … Una frase che ci accompagna in questo periodo è che dobbiamo essere più mistici: mistici della carità. E questo è l’esempio che abbiamo in Vincenzo de’ Paoli.

D. – Può raccontare come operate, come portate il Vangelo nel mondo?

R. – Adesso, ad esempio, stiamo aprendo una missione in Bolivia, nel dipartimento di Beni. Una missione difficile che ha bisogno di evangelizzazione, di aiuto spirituale, materiale … una zona difficile, perché la gente vive molto lontano dai grandi centri. Per arrivare, dobbiamo usare una barca: c’è solo questa “via” per potere visitare i diversi gruppi di persone … Questo è un esempio del tremendo bisogno che ha adesso il mondo …