Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Chiesa \ Chiesa nel mondo

Francia: dibattito in corso su procreazione assistita per coppie gay

Ricerche sulla procreazione - ANSA

Ricerche sulla procreazione - ANSA

"Le dighe saltano una dopo l’altra. Era prevedibile. Quale società vogliamo proporre alle future generazioni"? Così padre Oliveir Ribadeau Dumas, segretario generale e portavoce della Conferenza episcopale di Francia (Cef), commenta in un tweet il parere favorevole espresso dal Comitato consultivo nazionale d’etica (Ccne) all’apertura della procreazione medicalmente assistita (Pma) alle coppie di donne e alle donne sole che desiderano mettere al mondo un figlio senza partner maschile.

Il diritto al bambino non può soppiantare il diritto dei bambini
Il giudizio negativo di padre Ribadeau Dumas - ripreso dall’agenzia Sir - segue quelli altrettanto negativi delle Associazioni familiari cattoliche di Francia, secondo cui la decisione della Ccne “soddisfa l’egoismo degli adulti a scapito dei diritti del bambino”. Pur comprendendo e rispettando “il desiderio di un figlio nelle coppie di donne”, le Associazioni “non possono ammettere le conseguenze” che una pratica come quella della procreazione medicalmente assistista - cioè l’inseminazione artificiale da donatore, per procreare senza un partner maschile - può avere “sul bambino”. E al presidente della Repubblica, Emmanuel Macron, le Associazioni familiari domandano: “Il diritto al bambino viene prima dei diritti dei bambini?”.

Tutelare il diritto a conoscere i propri genitori
Sulla questione intervengono anche i giuristi che ricordano come la Convenzione internazionale dei diritti del bambino ratificata nel 1990, “superiore al diritto francese”, proclami anche “il diritto di conoscere i propri genitori e di crescere con loro, per quanto possibile”. Aprire pertanto la Pma alle coppie gay - si prosegue - significa innescare delle bombe a scoppio ritardato “perché i bambini un giorno ne chideranno conto”.

Parere del Comitato è consultivo, ma apre a evoluzioni legislative
Il parere del Comitato d’etica era da tempo atteso. Si tratta di un parere “puramente consultivo”, ma la sua pubblicazione apre la via a un’evoluzione della legislazione in merito a una determinata questione. Lo stesso presidente della Repubblica, Emmanuel Macron, in una lettera alle comunità Lgbt inviata durante la campagna elettorale, si era detto favorevole a una legge che potesse aprire la Pma alle coppie lesbiche e alle single ma che avrebbe, comunque sia, atteso il parere del Comitato nazionale d’etica per avere “un consenso” il più ampio possibile sulla futura normativa.

Lo stesso Comitato non è unanime
Secondo il Comitato, “questa richiesta di assistenza medica alla procreazione, cioè l’inseminazione artificiale da donatore per procreare senza un partner maschile, al di fuori di ogni tipo d’infertilità patologica, s’iscrive in una rivendicazione di libertà e di uguaglianza nell’accesso alle tecniche (mediche) per soddisfare il desiderio di un figlio”. Il parere emesso ha trovato però il Comitato non unanimemente d’accordo. I due terzi si sono pronunciati a favore, un terzo invece si è detto contrario. D’altra parte lo stesso Comitato evidenzia, nel suo parere, una serie di “punti critici” tra cui le conseguenze per il bambino, il rischio di una mercificazione e le condizioni stesse di fattibilità.

In agenda anche l’autoconservazione degli ovociti
Nello stesso parere, il Comitato si è espresso – ma in maniera più prudente – anche sull’autoconservazione degli ovociti. E mentre l’Accademia di medicina si era detta favorevole in un parere pubblicato il 19 giugno, il Comitato d’etica ha messo in guardia sul “carattere molto vincolante della procedura”.