Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

RV ITALIA - 105 FM

Mondo \ Africa

Migranti: fondi per la povertà usati contro i diritti umani

Agadez, in Niger, è una città punto di snodo dei flussi migratori verso il Nord Africa - AFP

Agadez, in Niger, è una città punto di snodo dei flussi migratori verso il Nord Africa - AFP

“Il nostro obbiettivo era fare luce sul fatto che una parte crescente dei fondi per l’aiuto allo sviluppo stanziati dall’Unione Europea per la lotta alla povertà siano poi, in realtà, utilizzati per il controllo delle frontiere in Africa e per limitare i flussi migratori verso l’Europa”. Così, Ludovica Jona, giornalista e coordinatrice del progetto #DivertedAid, spiega la genesi di questa inchiesta giornalistica che ha documentato il dirottamento dei finanziamenti per lo sviluppo verso altri obiettivi che non sembrano di tipo umanitario.

Un dirottamento denunciato dal Parlamento europeo 
“Grazie a un finanziamento del Fondo europeo per il giornalismo, abbiamo potuto definire meglio questa operazione che era stata già denunciata come una violazione delle regole finanziare dell’Ue dallo stesso Parlamento europeo. Lo abbiamo fatto analizzando la documentazione ufficiale della Commissione europea, ma anche andando a vedere sul terreno quali sono gli effetti di questi progetti che hanno come finalità il rafforzamento dei controlli di polizia nei Paesi di origine e transito delle migrazioni. Si tratta di Paesi, tra l’altro, caratterizzati da regimi di tipo dittatoriale, come il Sudan o l’Eritrea, dove rafforzare la polizia può essere rischioso, com’è ammesso in alcuni documenti pubblicati dalla stessa Commissione europea”.“Abbiamo verificato che il Fondo europeo di emergenza per l’Africa, creato nel 2015 dai governi dell’Ue con l’obiettivo di affrontare le cause dell’immigrazione irregolare, è stato riempito per il 95% con soldi presi da altri fondi destinati alla cooperazione internazionale e alla lotta alla povertà”. “L’utilizzo improprio di questi fondi è stato definito da una risoluzione del Parlamento europeo. Non si possono spostare dei soldi, che sarebbero sotto il controllo del Parlamento in quanto organo eletto dell’Unione, a un ‘Trust Fund’ gestito direttamente dalla Commissione”.

Rapimenti e estorsioni, anche sulla via del ritorno 
“Ma un gruppo di giornalisti – continua Ludovica Jona – ha potuto proprio verificare sul terreno, in Mali e in Niger, gli effetti di questa politica. Abbiamo intervistato migranti in transito in Niger che ci hanno raccontato come la polizia locale gli abbia estorto soldi non solo nel loro tragitto verso la Libia ma anche quando volevano tornare indietro. E a rendersi responsabile di estorsioni nei confronti di migranti è proprio quella polizia nigerina finanziata con oltre cento milioni di euro attraverso il ‘Trust Fund’ per l’Africa. Tra l’altro – spiega ancora la Jona - spesso gli aiuti ai Paesi poveri sono offerti solo a condizione che ci sia una collaborazione nella blindatura dei confini e si finisce così col dare più soldi a Paesi considerati prioritari dal punto di vista del controllo dei flussi migratori discriminando gli altri”.      


(Fabio Colagrande)