Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

RV ITALIA - 105 FM

Società \ Sociale

Lotta al tumori della pelle e allo sfruttamento minorile

Lotta al tumori della pelle e allo sfruttamento minorile - RV

Lotta al tumori della pelle e allo sfruttamento minorile - RV

L'eccessiva esposizione al sole rappresenta il primo fattore di rischio per il melanoma cutaneo, uno dei principali tumori che insorgono in giovane età: in Italia è il terzo tumore più frequente sotto i 50 anni, sia per gli uomini sia per le donne. Con l’arrivo  dell’estate l’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro (AIRC) ha lanciato una campagna d’ informazione su come esporsi al sole riducendo i rischi e contestualmente presenta i più recenti progressi raggiunti dalla ricerca per la cura del melanoma.

L’esposizione a raggi UV raddoppia il rischio di sviluppare un melanoma rispetto a chi non si espone, percentuale che aumenta negli individui a fototipo chiaro. La prevenzione riveste quindi un ruolo cruciale, sottolineato anche dal Codice europeo contro il cancro che dedica a questo tema una delle 12 raccomandazioni per ridurre il rischio di tumore: evitare lunghe esposizioni al sole, con particolare attenzione ai bambini, usare le protezioni solari, non utilizzare lampade abbronzanti.

Di questi temi e dell’importanza del sostegno alla ricerca parliamo con la dottoressa Donatella Del  Bufalo, ricercatrice AIRC dell’Istituto IFO Regina Elena di Roma.

Nella seconda parte del programma, torniamo a parlare di migranti e in particolare, tra loro, dei Minori Stranieri Non Accompagnati (MSNA)

Dall’inizio dell’anno sono oltre 8.000 i bambini e ragazzi che soli hanno affrontato un terribile viaggio e attraversato il Mediterraneo per arrivare sulle nostre coste con un incremento di circa il 20% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente

Per dare sostegno psicologico, fondamentale a superare l’esperienza della migrazione forzata e dell’arrivo in un paese straniero, affrontare e vivere con dignità e coraggio le giornate all’interno dei Centri di prima accoglienza SOS Villaggi dei Bambini Italia, ha avviato il nuovo progettoIo non viaggio solo”, che prevede anche sostegno per affrontare le complessità legali, sociali e culturali per iniziare una nuova vita nel paese di arrivo.  Il progetto è sotto l’egida della campagna globale "Nessun Bambino nasce per crescere da solo".

Ne parliamo con Orso Muneghina, responsabile Emergency Response Unit di SOS Villaggi dei Bambini Italia


(Lucas Duran)