Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

RV ITALIA - 105 FM

Società \ Bioetica

Charlie, Calipari (Scienza e Vita): i dubbi leciti

I genitori del piccolo Charlie che hanno intrapreso una battaglia legale per opporsi alla decisione dei medici - REUTERS

I genitori del piccolo Charlie che hanno intrapreso una battaglia legale per opporsi alla decisione dei medici - REUTERS

“E’ innanzitutto una vicenda umana drammatica, soprattutto perché parliamo di Charlie, un bambino di 9 mesi. E’ un dramma che coinvolge i suoi genitori e famigliari e, in ogni caso, i medici che l’hanno in cura e quindi l’opinione pubblica”. Maurizio Calipari, docente di bioetica, portavoce dell’Associazione “Scienza e Vita”, riflette sul caso di Charlie Gard, il bambino colpito da una grave malattia genetica per il quale i medici dell’ospedale di Londra dov’è ricoverato, con una scelta contestata dai genitori, ma confermata dai giudici inglesi e europei, hanno deciso di interrompere i trattamenti sanitari a cui è sottoposto.

No a inutili fazioni 
“Quello che non fa bene alla lettura di questi fatti tragici è la creazione d’inutili fazioni, schieramenti che fanno il tifo per qualcosa o contro qualcuno”, spiega Calipari. “Qui ci sono in gioco dei valori e prima ancora una vita umana concreta. Abbiamo bisogno allora di ragionare, mettere in evidenza valori e criteri per orientarci nell’azione. Non siamo però accanto al letto di Charlie e non abbiamo davanti tutti gli aspetti di questa situazione. Parliamo solo sulla base di ciò che abbiamo appreso in base alla documentazione di cui disponiamo, ma ci fermiamo lì”.

I dubbi sul no alla cura sperimentale 
“L’affetto e l’attenzione per la vita, visti da prospettive diverse, possono portare su posizioni diverse genitori e medici, com’è successo in questo caso. Ed è evidentemente la situazione peggiore”, prosegue il portavoce di ‘Scienza e Vita’. “Qui l’unica alternativa sembrava quella di una cura sperimentale che avrebbe però avuto la forma di una ‘terapia compassionevole’, tra l’altro non ancora sperimentata neanche sugli animali, che pur non essendo risolutiva avrebbe potuto avere qualche beneficio. Ci si chiede perché sia stata esclusa con tanta drasticità da parte dei medici e dei giudici. Perché è stata giudicata così rischiosa? La domanda resta”.

Cosa nuoce al benessere e alla dignità di Charlie?
“Ma la dimensione più importante e centrale è quella della proporzionalità delle terapie in un caso medico simile. E’ necessario adottare criteri che rispettino il bene della vita di Charlie e il benessere che può raggiungere e al contempo la sua dignità di persona umana. Nessuna decisione operativa può andare contro questi principi fondamentali”. “Non c’è dubbio – conclude Calipari - che laddove non ci siano motivi diretti di danno arrecati dalle manovre di sostegno vitale che ancora si stanno attuando su Charlie - in particolare la ventilazione  e la nutrizione - privarlo di queste significherebbe sostanzialmente ‘scartarlo’, cioè dare un giudizio sulla qualità della sua vita e questo è inaccettabile dal punto di vista etico”. 


(Fabio Colagrande)