Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Mondo \ Americhe

Vescovi Ecuador: danni ambientali causati da attività minerarie

La città di Cotopaxi - REUTERS

La città di Cotopaxi - REUTERS

"I contadini a Palo Quemado vivono sulla propria pelle l'impatto ambientale provocato dall'attività mineraria nella zona, in modo particolare l'acqua e i campi contaminati": lo denuncia mons. Geovanni Mauricio Paz Hurtado, vescovo della diocesi di Lacatunga, in Ecuador.

Terre distrutte, popolazione preoccupata
Mons. Paz – riferisce l’agenzia Fides - è intervenuto nei giorni scorsi ad un incontro a Sigchos, vicino Latacunga, una città sull'altopiano dell'Ecuador, capoluogo della provincia del Cotopaxi e dell'omonimo cantone, 90 chilometri a sud di Quito, vicino al vulcano Cotopaxi. Secondo il presule, una specie vegetale che serviva come alimento per il bestiame, non esiste più: "Sono conseguenze dell'estrazione mineraria – ha detto - la terra è distrutta e la gente è intimorita e preoccupata".

A rischio la zona “verde” del Paese
Il cantone di Sigchos è situato in una zona famosa per la produzione della Panela, preparato alimentare ottenuto dal succo della canna da zucchero, sottoposto a ebollizione a temperature elevate ed evaporazione, dal quale si ricava una melassa viscosa che viene poi versata in piccoli stampi in cui si lascia raffreddare. Inoltre è l'unica zona dell’Ecuador con la certificazione "verde", vale a dire la migliore, quindi si presenta il rischio di fermare o distruggere questa produzione nazionale.

Tutela Creato, responsabilità di tutti
Al riguardo Mons. Paz ha detto: "Credo che la nostra preoccupazione per il nostro popolo e la cura della casa comune sia responsabilità di tutti”. “L'attività mineraria – ha concluso - fornisce una soluzione temporanea ai problemi economici della famiglia, ma non ci rendiamo conto dell'impatto a posteriori".