Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Mondo \ Europa

Francia: decreto di archiviazione per inchiesta su card. Barbarin

Il card. Barbarin  - AP

Il card. Barbarin - AP

Un comunicato della diocesi di Lione diffuso l’11 luglio, e ripreso dall’agenzia Sir, rende noto di “aver ufficialmente preso conoscenza del decreto di archiviazione emesso l’11 dicembre 2016 dal procuratore della Repubblica di Lione a beneficio del card. Philipe Barbarin, non avendo l’inchiesta riscontrato alcuna infrazione penale da parte dell’interessato”.

Inchiesta avviata nel 2016
L’inchiesta, spiega la nota della diocesi, è stata aperta da una denuncia del febbraio 2016 e vedeva il porporato accusato di “non aver denunciato un’aggressione sessuale e non aver assistito la persona in pericolo in relazione ai fatti imputati a padre Jérôme Billioud nel 1990 e 1993”, accusato di abusi. Il tribunale di Lione ha ritenuto che non vi sia stata “alcuna violazione” perché il card. Barbarin, incontrandolo l’unica volta nel 2009, aveva consigliato “a quest’uomo, maggiorenne, di sporgere denuncia”, cosa che era stata fatta.

Portare verità e pace
La diocesi auspica che “i media, che avevano ampiamente riportato le accuse del 2016, siano mossi dalla stessa preoccupazione” di informare riguardo la decisione dei giudici di archiviare la denuncia. “Il card. Barbarin si rallegra che la magistratura abbia portato verità e pace dopo le polemiche appassionate e talvolta diffamatrici”, si legge ancora nel comunicato che ricorda che il caso di padre Billioud nel 2009 era stato archiviato dalla giustizia, ma che il porporato aveva ritenuto non opportuno che gli fossero affidate responsabilità pastorali.

Tutela dei diritti e delle decisioni legali
Il card. Barbarin chiede, infine, che “siano rispettati i suoi diritti e le decisioni legali che lo riguardano” e ribadisce “il suo profondo sostegno, la disponibilità e la compassione verso tutte le vittime”.