Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Chiesa \ Chiesa in Italia

E' morto don Alessandro De Sanctis, parroco più anziano d'Italia

Don Alesssandro De Sanctis - RV

Don Alesssandro De Sanctis - RV

E’ morto all’età di 98 anni, a Filettino, don Alessandro De Sanctis, parroco più anziano d’Italia. Si è spento serenamente il 12 luglio, proprio nel giorno del suo settantacinquesimo anniversario di sacerdozio. Il servizio di Sergio Centofanti:

Ha conservato la sua allegria e il suo umorismo fino alla fine. Don Alessandro era grato a Dio di averlo potuto servire tra la sua gente così a lungo. Ordinato nel 1942, ha svolto ininterrottamente il suo ministero a Filettino, in provincia di Frosinone. La notizia ha suscitato grande commozione nella diocesi di Anagni-Alatri, che solo pochi giorni fa aveva festeggiato in modo solenne il suo giubileo sacerdotale. Don Alessandro era noto per la sua semplicità e non voleva che i parrocchiani lo chiamassero "monsignore". Gli anni più difficili sono stati quelli della guerra e dell’occupazione nazista, quando nascondeva a rischio della vita i partigiani e i soldati alleati. Ha conosciuto sette Pontefici, compreso Papa Francesco che ha incontrato a San Pietro. Riascoltiamo don Alessandro in una intervista rilasciata al nostro Paolo Ondarza nel 2012:

D. – Don, Alessandro, lei è un parroco da record, come vive questo primato?

R. – Eh, come si vive… con la grazia del Signore! Non avrei mai creduto di poter arrivare a questa età e a questi limiti. Sono una prova evidente della presenza di Dio e della sua Provvidenza!

D. - Da quello che raccontano i suoi parrocchiani, pare che lei sia riuscito a far tenere spenti i cellulari durante la Messa. Come ha fatto?

R. - Abbiamo messo dei cartelli alle porte delle Chiese, dove si legge: “Il Signore ci sente anche senza il chiasso dei cellulari”. Il Signore ci ascolta (ride), non c’è bisogno dei telefonini!