Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Chiesa \ Chiesa nel mondo

Kenya. Leader religiosi: elezioni siano credibili, pacifiche e libere

Il presidente del Kenya Uhuru Muigai Kenyatta - AFP

Il presidente del Kenya Uhuru Muigai Kenyatta - AFP

Credibili, pacifiche e libere: così dovranno essere le prossime elezioni generali in Kenya, fissate per l’8 agosto. A chiederlo al governo sono i leader religiosi del Paese, in un appello congiunto diffuso al termine di un incontro multiculturale svoltosi a Nairobi il 13 luglio scorso.

Misure preventive contro violenze e incitazioni all’odio
Sottolineando in particolare l’importanza della credibilità nelle operazioni di voto, i firmatari dell’appello invitano “tutte le parti interessate a compiere il necessario per assicurare elezioni attendibili”. Di qui, l’invito alle istituzioni statali affinché attuino alcune misure preventive contro le violenze, risolvendo le controversie attraverso l’iter giuridico ed applicando sanzioni efficaci ed immediate per chi incita all’odio. Allo stesso tempo – prosegue il messaggio - la Commissione elettorale dovrà assicurare che tutti i sistemi elettorali siano funzionali e che i membri dell’organismo stesso siano preparati e competenti nel monitorare le procedure di voto.  

Tutelare le donne candidate
Un ulteriore appello viene lanciato a tutti gli agenti di sicurezza affinché operino per tutelare gli aventi diritto al voto ed intervengano fermamente contro chi istiga all’odio ed alla violenza, in particolare nei confronti delle donne candidate. Per questo, i leader religiosi invitano i keniani a non votare per nessuno che inciti alla violenza, poiché chi esercita la leadership deve sempre tenere in considerazione il rispetto dei diritti degli altri, soprattutto dei suoi avversari politici.

Manipolare i voti è un peccato grave
Di qui, l’appello si allarga anche a quei candidati che usciranno sconfitti dalla tornata elettorale: “Consigliamo a tutti di prepararsi a questa eventualità e soprattutto di riconoscere che la vita continua, indipendentemente dal risultato delle elezioni”, scrivono i leader religiosi. Infine, ribadendo che manipolare i voti “è un peccato grave”, i firmatari del messaggio pregano per il bene della nazione, affinché “Dio conceda al Kenya di avere giustizia, unità, pace, libertà e prosperità”. (I.P.)