Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Società \ Famiglia

Italia: un femminicidio ogni 3 giorni. Sr Farina: "tornare a sorgente dell'amore"

In Italia una donna, ogni tre giorni, muore per mano del suo compagno - ANSA

In Italia una donna, ogni tre giorni, muore per mano del suo compagno - ANSA

Di Benedetta Capelli

In Italia si commette un femminicidio ogni tre giorni. Un dato che fa riflettere anche se il fenomeno della violenza sulle donne, secondo un recente rapporto dell’agenzia per i diritti fondamentali dell’Unione Europea, è più comune nei Paesi del Nord Europa. In un paragrafo di Amoris Laetitia, l’esortazione apostolica sull’amore nella famiglia, Papa Francesco sottolinea che “la violenza verbale, fisica e sessuale che si esercita contro le donne in alcune coppie di sposi contraddice la natura stessa dell’unione coniugale”.

“Ci vuole prudenza, discernimento, attenzione perché la donna deve percorrere quelle strade per agire prima e prevenire i casi estremi”: sottolinea suor Marcella Farina, coordinatrice del Centro studi donna ed educazione dell'Università Auxilium di Roma e membro della Consulta femminile del Pontificio Consiglio della Cultura. Fondamentale anche riflettere “sulla dimensione della precarietà, della fragilità, della vulnerabilità umana”, che coinvolge sia l’uomo che la donna.

La cultura moderna – sottolinea suor Marcella Farina - ha messo in evidenza giustamente il valore del soggetto in quanto noi, come dice anche la Rivelazione, siamo come Dio però non siamo Dio. Dall’altra parte dobbiamo accettare la nostra creaturalità: non siamo onnipotenti, non siamo onniscienti e spesso ci scontriamo con le situazioni della vita”.

L’invito della religiosa salesiana è di “essere più accanto a queste donne, dovremmo testimoniare – afferma -  la saggezza, la risorsa che viene dallo sguardo di fede sul mondo”. “Entrare in queste relazioni senza la presunzione che viene da un amore, da un fascino per l’altro, di potere con il nostro affetto, con la nostra vicinanza, superare certe situazioni di vulnerabilità psicologica. E forse serve una reciprocità più forte tra noi religiose e questo mondo femminile che è disorientato ma anche così affaticato, così sofferente. “Per noi la soluzione è abbastanza chiara: tornare alla sorgente, è Gesù la sorgente dell’amore”.

Ascolta e scarica il podcast dell’intervista a suor Marcella Farina: