Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Chiesa \ Chiesa in Italia

Commento di don Sanfilippo al Vangelo della XX Domenica T.O.

L'incontro di Gesù con la Cananèa - RV

L'incontro di Gesù con la Cananèa - RV

Domenica, 20 agosto, XX del Tempo ordinario, la liturgia ci propone il brano del Vangelo di Matteo (Mt. 15,21-28) che racconta l'incontro di Gesù con una donna Cananèa:

In quel tempo, partito di là, Gesù si ritirò verso la zona di Tiro e di Sidòne. Ed ecco una donna Cananèa, che veniva da quella regione, si mise a gridare: «Pietà di me, Signore, figlio di Davide! Mia figlia è molto tormentata da un demonio». Ma egli non le rivolse neppure una parola. 
Allora i suoi discepoli gli si avvicinarono e lo implorarono: «Esaudiscila, perché ci viene dietro gridando!». Egli rispose: «Non sono stato mandato se non alle pecore perdute della casa d’Israele». Ma quella si avvicinò e si prostrò dinanzi a lui, dicendo: «Signore, aiutami». Ed egli rispose: «Non è bene prendere il pane dei figli e gettarlo ai cagnolini». «È vero, Signore – disse la donna –, eppure i cagnolini mangiano le briciole che cadono dalla tavola dei loro padroni». Allora Gesù le replicò: «Donna, grande è la tua fede! Avvenga per te come desideri». E da quell’istante sua figlia fu guarita. 

Su questa pagina ascoltiamo una breve riflessione di don Gianvito Sanfilippo, presbitero della diocesi di Roma:

Al grido di una donna Cananèa che supplica la liberazione per la propria figlia, tormentata dal diavolo, Gesù stranamente non risponde. Sebbene ella reiteri la sua petizione, e nonostante l’intercessione dei discepoli per esaudirla, il Signore afferma la priorità dei figli d’Israele, e non dei pagani, nel ricevere i suoi doni. Quando, però, questa madre affranta, riconoscendo la primogenitura dei giudei, tuttavia implora di accontentarsi anche delle briciole della benedizione divina, allora Gesù esclama: “Donna, davvero grande è la tua fede!”. Il brano evangelico presente è una buona notizia per tutti noi: Dio ama ogni persona e desidera aiutare l’umanità che attraverso i tempi, in ogni latitudine, è oppressa dal peccato e dall’odio che satana nutre nei confronti di chiunque. Il Maestro a volte tace davanti alle nostre richieste, perché desidera che si manifesti la nostra fede che non desiste dal pregare con fiducia, e vuole che ci affidiamo all’intercessione della Chiesa, dei santi e di Maria. Egli è accondiscendente, soprattutto, quando accettiamo eventuali umiliazioni senza ribellarci, perché ciò rivela in modo efficacissimo la speranza riposta in Lui. Esse possono divenire allora occasioni di annuncio evangelico che valgono più di mille parole. Non scoraggiamoci, dunque, ma attendiamo il suo aiuto, il Signore si rivela!