Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Mondo \ Americhe

Uragano Harvey: in Texas la chiesa in aiuto dei più poveri

Soccorsi per le persone colpite dall'uragano - EPA

Soccorsi per le persone colpite dall'uragano - EPA

La Conferenza episcopale statunitense, assieme alla Caritas e alla Società di San Vincenzo, sta monitorando la situazione delle diocesi del Texas colpite dall’uragano Harvey che questo fine settimana ha devastato con venti e inondazioni tutta la regione provocando morti, feriti e migliaia di sfollati. Nelle ultime ore - riferisce l'agenzia Sir - il numero di emergenza 911 ha ricevuto oltre 56mila richieste di aiuto. Un’infermiera di Houston, in servizio senza sosta da venerdì, ci ha raccontato che domenica appena quattro colleghi su 20 hanno potuto raggiungere il reparto ma le emergenze sono in continua crescita.

Il card. Dinardo ha invitato alla preghiera e alla solidarietà verso i più poveri
Il presidente della Conferenza episcopale e vescovo di Galveston-Houston, card. Daniel DiNardo, ha invitato tutti alla preghiera e alla solidarietà soprattutto verso i più poveri che vivono già in strada e si trovano in grande pericolo. “Le persone sono intrappolate sui tetti e l’acqua continua a salire – ha scritto il vescovo in un messaggio ai suoi confratelli-. Ringraziamo tutti quelli che in questo momento stanno rischiando la vita per salvare gli altri e tutti quegli eroi sconosciuti che stanno aiutando i vicini più bisognosi”.

Il vescovo di Corpus Chirsti rimasto accanto ai più poveri
Anche il vescovo di Corpus Chirsti, Michael Mulvey, ha deciso di restare al fianco dei suoi fedeli e di non lasciare la sua casa sulla baia, in prima linea nella tempesta, e dove in questo momento si trova con il vicario e il direttore delle vocazioni. “Sono voluto rimanere perché abbiamo tra noi quelli che non sono in grado di lasciare la città e sono spesso i più poveri. Io voglio essere presente qui anche per loro”. Il vescovo ha inviato un messaggio Facebook ai suoi fedeli, invitandoli a “stare insieme, pregare” e avere la stessa fede di san Pietro durante le tempeste quando “Gesù placava il mare“. Nel messaggio video ha ringraziato le forze dell’ordine, i medici e tutti i soccorritori che si stanno prodigando nella città senza sosta.