Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Papa Francesco \ Documenti

Giornata anti test nucleari. L’impegno del Papa contro le armi atomiche

Un test nucleare - ANSA

Un test nucleare - ANSA

di Alessandro Gisotti

Ricorre oggi la Giornata internazionale contro i test nucleari, approvata dall’Assemblea Generale dell’Onu nel 2009, con l’obiettivo di promuovere il principio che “ogni sforzo dovrebbe essere fatto per porre fine ai test nucleari e sventarne così gli effetti devastanti sulle vite della gente”. Fin dall’inizio del suo Pontificato, Francesco si è espresso con forza per il bando delle armi nucleari.

Il 7 dicembre 2014, il Papa invia un messaggio alla Conferenza di Vienna sull’impatto umanitario delle armi nucleari. Per Francesco “occorre un’etica globale se vogliamo ridurre la minaccia nucleare ed operare per un disarmo nucleare”. “La deterrenza nucleare e la minaccia della distruzione reciproca assicurata – scrive ancora il Papa – non possono essere base di un’etica di fraternità e di pacifica coesistenza tra i popoli e gli Stati”. Ancora, sottolinea che “spendere in armi nucleari dilapida la ricchezza delle nazioni” e “quando tali risorse sono dilapidate, i poveri e i deboli che vivono ai margini della società ne pagano il prezzo”. Chiede così ai leader mondiali di impegnarsi concretamente per “un mondo senza armi nucleari”.

Il 25 settembre 2015, intervenendo alle Nazioni Unite di New York, il Pontefice condanna la “proliferazione delle armi, specialmente quelle di distruzione di massa”. “Occorre impegnarsi per un mondo senza armi nucleari – avverte all’Assemblea Generale del Palazzo di Vetro – applicando pienamente il Trattato di non proliferazione, nella lettera e nello spirito, verso una totale proibizione di questi strumenti”.

Contro le armi nucleari si esprime nei suoi Messaggi per la Giornata Mondiale per la Pace. Nel documento pubblicato per la Giornata del primo gennaio 2017 e dedicato alla nonviolenza, Francesco rivolge alla comunità internazionale “un appello in favore del disarmo, nonché della proibizione e dell’abolizione delle armi nucleari: la deterrenza nucleare e la minaccia della distruzione reciproca assicurata non possono fondare questo tipo di etica”.

Nel marzo di quest’anno poi, Francesco incoraggia con un messaggio i partecipanti alla Conferenza Onu per l’approvazione di un Trattato sulla proibizione delle armi nucleari. Il Papa rbadisce l’urgenza di impegnarsi per un mondo senza armi nucleari. “Dobbiamo anche chiederci – scrive Francesco – quanto sia sostenibile un equilibrio basato sulla paura, quando esso tende di fatto ad aumentare la paura e a minare le relazioni di fiducia tra i popoli”. “L’obiettivo finale dell’eliminazione totale delle armi nucleari – conclude – diventa sia una sfida sia un imperativo morale e umanitario”.

 

Ascolta e scarica il podcast del servizio: