Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Papa Francesco \ Udienza Generale e Angelus

Commovente incontro del Papa con i calciatori della Chapecoense

 - REUTERS

- REUTERS

All’udienza generale, il Papa al termine della catechesi in italiano ha salutato i pellegrini presenti in Piazza San Pietro. Un saluto speciale ha rivolto ai calciatori e ai dirigenti della Chapecoense, la squadra di calcio brasiliana che il 28 novembre 2016 è stata coinvolta in un disastro aereo nei pressi della città colombiana di Medellín. L'aereo aveva a bordo 77 persone, di cui 6 sopravvissute, tra cui tre calciatori del club: Neto, Jakson Follmann e Alan Rushel. La squadra si stava recando in Colombia per disputare la finale della Coppa sudamericana.

E' stato un incontro breve ma commovente: il Papa ha salutato e abbracciato sul sagrato della Basilica Vaticana tutti i membri della squadra, insieme ad alcuni familiari degli scomparsi. In particolare, si è soffermato con i calciatori Follmann e Rushel, benedicendoli. In dono ha ricevuto un pallone con i colori del team brasiliano, bianco e verde. Infine la classica foto-ricordo con il gruppo, composto in tutto da circa 85 persone. 

Il presidente della Chapecoense, David Plinio de Nes, ai microfoni di Cristiane Murray, ha detto che questo "è un giorno di grazia per tutti noi": "Papa Francesco ci ha fatto sentire il suo amore sin dal tragico momento dell'incidente aereo. Nel momento più difficile della nostra vita, la sua vicinanza ci ha dato la forza per andare avanti. Oggi la squadra si sta pian pian riprendendo da quelle ferite. Oggi riceviamo la benedizione del Papa e per questo ringraziamo Dio". 

Venerdì sera, primo settembre, la Chapecoense giocherà in amichevole con la Roma allo Stadio Olimpico.