Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Mondo \ Italia

Istat, cresce l'economia. Marseguerra: disoccupazione giovanile alta

Cresce l'economia secondo l'Istat - ANSA

Cresce l'economia secondo l'Istat - ANSA

"L'economia italiana accelera sostenuta da una crescita diffusa tra i settori produttivi e dall'aumento dell'occupazione". Cosi' l'Istat nella nota mensile, segnalando che questo anticipa quel che succederà nei prossimi mesi, ovvero "un'intonazione positiva, segnando un rafforzamento delle prospettive di crescita". 

A crescere sono gli investimenti e il lavoro automo. Per l'economista Giovanni Marseguerra, coordinatore del comitato scientifico della Fondazione Centesimus Annus, "sicuramente, all’aumento del clima di fiducia contribuisce anche l’aumento delle spese delle famiglie e degli investimenti, specialmente in macchinari".

Il premier Gentiloni ha promesso nuovi fondi per la povertà, e nella prossima legge di Bilancio potrebbero arrivare altre agevolazioni per le famiglie.Per Marseguerra, "le famiglie sono uscite profondamente penalizzate dalla crisi degli ultimi anni. C’è una serie di incognite che in qualche modo minano questa ripresa. Per prima cosa, è da dire che il dato sulla disoccupazione giovanile resta preoccupante, al 33%: il doppio circa di quello dell’area euro. E poi la ripresa non è una ripresa per tutti, perché, se andiamo a vedere i posti che sono stati creati da questa ripresa, di questi 700mila, ben 580mila sono andati a persone con almeno un livello di istruzione pari alla laurea. E questo ci deve far pensare all’importanza di potenziare il nostro sistema di formazione, di sostenere gli investimenti e così rafforzare l’innovazione".

L'Istat ha fatto notare che "il tasso di occupazione  è  salito  al  58%  (+0,1%)  con  un  aumento  per  tutte  le  classi  di  età  a  esclusione di quella 35-49 anni per cui rimane stabile".

Ascolta e scarica il podcast dell'intervista a Giovanni Marseguerra: