Leggi l'articolo Vai alla navigazione

Social:

RSS:

Radio Vaticana

la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo

lingua:

Mondo \ Europa

Germania, oltre 61 milioni di tedeschi al voto per il Bundestag

Germania, voto per il Bundestag - EPA

Germania, voto per il Bundestag - EPA

Sono 61,5 milioni gli elettori tedeschi oggi al voto per eleggere il nuovo Bundestag, la Camera bassa tedesca. Si prevede un aumento dell'affluenza rispetto alle scorse legislative, con il presidente tedesco Frank Walter Steinmeier che ha rivolto un appello ai cittadini a recarsi alle urne. Queste elezioni janno a che fare con "il futuro dell'Europa e il futuro della democrazia", ha affermato.

Scontata una riconferma del cancelliere tedesco Angela Merkel per un quarto mandato, al potere dal 2005. Resta invece appeso ai decimali delle schede il rebus della coalizione che guiderà la Germania, considerando che nessun sondaggio dà la maggioranza assoluta a nessuno dei partiti in gara. Sia la Cdu della Merkel sia la Spd di Schulz sono in calo nei consensi degli elettori.

Crescono sia l’estrema sinistra, sia i Verdi, sia l’estrema destra di Alternative für Deutschland. La Merkel però potrebbe guadare ai Liberali, anch’essi in ascesa e fautori di una politica rigorista nei confronti del resto d’Europa. 

Per Constanze Reuscher, corrisponde a Roma del giornale tedesco Die Welt, "non si sa ancora da chi sarà formata questa coalizione. Tutti i pronostici sono rimandati al dopo voto proprio in ragione di un quadro che cambia così radicalmente rispetto ai piccoli partiti".

Sulla possibilità di un'alleanza tra la Cdu e i Liberali, Reuscher aggiunge che "sarebbe la ripresa di una coalizione storica. I Liberali più volte hanno partecipato ad un governo di coalizione con i democristiani e sarebbe importante, perché è un partito che è su posizioni di stampo liberale, economicamente parlando. Sarebbe quindi più facile imporre degli obiettivi in coalizione con i cristiano-democratici che non devono concordare con il socialdemocratici. Sarebbe una linea più chiara politicamente". 

Ascolta e scarica il podcast dell'intervista a Constanze Reuscher